Calendario Escursioni 2019














Sabato 16 febbraio - Ciaspolada al chiaro di luna
Bocchetta Granezza - M. Corno – Rifugio Monte Corno ( Altopiano dei Sette Comuni) 

Ritrovo in Piazza Prandina alle ore 16:45 e partenza alle ore 17:00 . Itinerario: San Pietro in Gù - Nove – Marostica – Lusiana – Bocchetta Granezza – Rifugio Monte Corno (parcheggio) . Ore 18:30-19:00 inizio escursione. Ore  21:30 – 22:00 cena presso  il Rifugio Monte Corno  (menù con antipasto, primo, dolce, acqua, vino, caffè: 18 €)

Facile itinerario ad anello con partenza dal Rifugio Monte Corno.  Sulla strada asfaltata che porta al Rifugio Granezza nei pressi del cimitero inglese si segue il percorso del sentiero storco-naturalistico. Per bosco di faggio e abete accostando il complesso sistema di trincee si attraversa un più fitto bosco di abete rosso e bianco e si percorre quindi una via frequentata da pastori che porta ad un pianoro e quindi alla sommità del Monte Corno, 1383 m. Transitando presso una cava abbandonata si prosegue in discesa verso est fino alla valle di Granezza di Gallio giungendo a Malga Corno e al Monumento ai caduti. Da questo punto si ha uno splendido scorcio panoramico sulla pianura veneta. Percorrendo alcune carrarecce e transitando per la Malga Campo Est e l’Ex Malga Campo Ovest, si ritorna al Rifugio Monte Corno.

Dislivello complessivo: 200 m circa . Sviluppo circa 5-6 km. Tempi di percorrenza: ore 2:30-3:00 complessive. Difficoltà: E/EAI. Il percorso richiede in caso di neve (auspicata) l’uso delle ciaspole (racchette da neve). L’uscita si effettuerà anche in assenza di neve. Si consiglia una abbigliamento adeguato alla stagione comprendente una giacca antivento. Utile una pila frontale.

Info: mail  montagnaatuttabirra@gmail.com, Giorgio 3331469831,   Silvano 0495991351 - 3381343100,  Girolamo  0499425908 – 3775364040.  Adesioni entro Mercoledì 13 febbraio.

Domenica 3 marzo   Monte Rione, 1691 m - Novegno    da Vallortigara

Apertura di stagione sulle montagne che vediamo dal balcone di casa.

Partenza da Piazza Prandina alle ore 7.30. Itinerario: San Pietro in Gù – Vicenza Nord – Schio – Santa Caterina – Strada per Colle Xomo – Monumento di Vallortigara. (50 km, 1 ora;  costi auto 100  x 0,20 = 20 + 3 = 23 €)

 L’itinerario risale il versante sud-ovest del massiccio per segnavia n° 411, rimanendo al cospetto dell’imponente sagoma dolomitica del Caliano. Transita per malga Ronchetta e su comoda mulattiera, che corre alle pendici meridionali del Cogolo e perviene alla cima del monte Rione con l’imponente sistema di fortificazioni. 
  Si immette nella conca sommitale della Busa e discende il crinale erboso che conduce alla Pozza Lunga, dalla quale in breve si può raggiungere la cima del Novegno. Riguadagna il versante di malga Ronchetta attraverso il sentiero in quota detto degli “Slavinoni”. Raggiunta la malga, la discesa al monumento avviene per una bella e panoramica variante. 

Dislivello: 850 m . Tempi di percorrenza:  ore 6 complessive per l’intero percorso.
Difficoltà: E, consigliati ramponcini

Info: mail: montagnaatuttabirra@gmail.com,  Luisa  3711837546



Domenica 17 marzo   Colline di San Benedetto -  Marostica


Partenza da Piazza Prandina alle ore 8:00. Ritrovo a Marostica alle 8:30 presso il parcheggio di Campo Marzio. Dopo una breve visita ad una delle buone pasticcerie nelle vicinanze, partenza per l’escursione (8:45-9:00).

Questo itinerario ci porta a scoprire uno dei siti naturalistici più suggestivi del nostro territorio: i Gorghi Scuri, cascate-rapide presenti lungo gli alvei del Torrente La Valletta. Durante il cammino ci immergiamo in tratti di bosco rigoglioso, alternati a lunghi filari di viti e olivi messi a dimora su terrazzamenti che seguono le linee sinuose della collina.
Percorso principale: Campo Marzio • via Due Rogge • Piazza Ortigara • Ponte Quarello • via S. Pertini • Sentiero San Benedetto • incrocio con casa colonica • bivio Palazzo Sedea • Casa Berna • Contrà Pianezzola • via Marchetti • via Zeggio (Pradipaldo) • Gorghi Scuri • Capo di Sopra • Placca • Costame • via Salarola (Ponte Barbola) • argini Torrente La Valletta • Ponte Quarello • Piazza Ortigara • Campo Marzio.

Lunghezza 10 km circa. Tipo di percorso strada asfaltata • strada sterrata • sentiero
Tempo di percorrenza  ore 4-4,30.

Info: mail: montagnaatuttabirra@gmail.com,        Francesco  331 921 3767


Domenica 7 aprile  Laghetti delle Aie - M.  Formentone (Lagorai)
L’tinerario previsto in calendario viene così modificato per il perdurare dell’innevamento del versante Nord.
Domenica 7 aprile 2019  Lagorai: Refavaie-M.ga Laghetti-Lago Nero-Malga Cupolà di Sotto
Ritrovo in Piazza Prandina e partenza alle ore 7.30. Itinerario: San Pietro in Gù – Nove- ai Trenti (ore 8:00 ) – SS. 47 Valsugana – Imer- Canal San Bovo – rif. Refavaie  (90 km, ore 1:30;  costi auto 180  x 0,20 = 36 €)
Dal Rif. Refavaie, 1116 m,  per segnavia 320 verso nord-ovest, a Malga Laghetti, 1582 m. Sempre per forestale in direzione del passo Sadole fino ad una deviazione che porta nella splendida conca del lago Nero, 1670 m. Scendendo verso sud nel Vallone dei Laghetti si giunge per forestale al bel Bivacco Malga Cupolà di Sotto (sosta pranzo).
Chi volesse prolungare il tragitto può salire fino a Malga Cupolà di Sopra e a Forcella Cupolà con ritorno per il medesimo itinerario.
Dopo la sosta, per la forestale Cupolà di Sotto fino al greto del torrente Vanoi  e, attraversato il ponte, per la forestale Refavaie-Cinque Croci al punto di partenza.
Dislivello: 600 m – Lunghezza: 12,8 km – Difficoltà:  E – Tempi di percorrenza: 5 ore complessive

Info: mail  montagnaatuttabirra@gmail.com, Girolamo  0499425908 – 3775364040, Silvano 0495991351 - 3381343100. 

Lunedì  22 aprile  Pasquetta  sui Colli  Euganei – Sentiero Atestino

Ritrovo in Piazza Prandina e partenza alle ore 8:30 per Grisignano,  Montegalda,  Montemerlo, Treponti, Torreglia, Valsanzibio


Parcheggio presso Villa Barbarigo a Valsanzibio.

  A nord della villa, saliamo per una stradina asfaltata con indicazione Cimitero, oltrepassato il quale incontriamo la tabella del sentiero n° 3. Lasciamo il sentiero alla nostra destra e continuiamo a salire per una carrozzabile. Su questa troviamo le indicazioni "sentiero di San Antonio" e a intervalli regolari le stazioni di una "via crucis”, al termine della quale giungiamo ad un bivio dove gireremo a destra per salire al monte Fasolo. Il nostro sguardo spazierà verso la pianura padana e per strada bianca in leggera salita ne raggiungeremo la cima, nei pressi su un poggio troviamo la chiesetta di S. Gaetano. Oltrepassatala,  una leggera salita ci porta al monte Gemola e a Villa Beatrice D'Este, ex convento Benedettino. Da qui è possibile godere di uno spettacolare panorama sui colli circostanti e sulla pianura, fino ai colli Berici e alle più lontane Alpi.
  Dopo la sosta pranzo (al sacco) si proseguirà in discesa per un a strada asfalta, seguendo sempre le indicazioni del sentiero n°3, fin sopra l'abitato di Valle San Giorgio.  Abbandoniamo quindi la strada per seguire un sentiero ancora in discesa fino ad arrivare ad alcune case, di fronte alle quali sale una ripida strada cementata, sempre segnavia n° 3. Da qui si risale per la dorsale delle Marlunghe in ambiente arido e aperto giungendo al pianoro del Mottolone, da dove si gode un panorama sulla pianura, i colli Berici e la sottostante valle di S.Giorgio. Dopo un breve tratto sterrato si arriva in una stradina asfaltata, si gira a destra e dopo qualche centinaio di metri, in discesa, si giunge sopra l'abitato di Arquà Petrarca. Il paese si raggiunge abbandonando la strada asfaltata e seguendo il sentiero n° 3 sulla nostra sinistra.
  Sin qui abbiamo percorso circa 15 km, con 700 metri di dislivello e si conclude il percorso breve. Possibile la visita della casa del Petrarca e del bellissimo borgo medioevale.  Il ritorno al il punto di partenza avverrà con le auto predisposte ad Arquà in mattinata. 
  Chi volesse completare l'intero sentiero Atestino deve percorrere altri 7 Km con 300 metri di dislivello, passando per il Monte Piccolo e il Monte Orbieso, e raggiungere il punto di partenza.
 Altre info su magicoveneto.

 Dislivello complessivo: 700 (1000) m. Lunghezza: 15 (21,5) Km. Difficoltà: E – Tempi di percorrenza: 5 (6) ore.

. Info: mail  montagnaatuttabirra@gmail.com,  Giorgio 333 1469831, Girolamo 377 5364040, Silvano 338 1343100


Domenica 19 maggio  Delta del Po  Giro dell’isola della Donzella  ( cicloloturistica)
rinviata a Domenica 9 giugno 2019

Percorsi  di 45,2 km e 65,7 km (eventualmente disponibile un terzo percorso di 26,6 km)
Trasferimento in pullman granturismo con carrello portabici.
Ritrovo in Piazza Prandina alle 6:30 con le biciclette (si raccomanda la puntualità) Carico dei mezzi nel carrello e partenza alle 7:00 per Porto Tolle, località CàTiepolo.

L’isola della Donzella, è l’isola più grande alla foce del Po’, in provincia di Rovigo.
Delimitata a Nord dal Po di Venezia, a Ovest dal Po’ di Gnocca, a Sud dalla sacca di Scardovari e ad Est dal Po’ di Tolle.
I primi 4 Km sono sull’argine del Po’ di Gnocca, asfaltato e  solamente ciclabile . Alla destra le acque calme del fiume, dove è frequente avvistare e udire il canto di uccelli, a sinistra  la strada percorribile dalle auto e la campagna coltivata. Dopo 4 Km l’argine diventa sterrato con erba. Per chi volesse continuare a percorrere l’argine è consigliato l’uso della Montain Bike, per gli altri c’è la possibilità di percorrere la parallela strada asfaltata.
Dopo aver percorso circa 15 Km si arriva alla frazione di Santa Giulia, dove si inizia a costeggiare la Sacca di Scardovari e dove inizia la parte dell’itinerario più affascinante.  
La sacca di Scardovari è un’insenatura di mare dove vengono allevati i “Peoci”.
Lo sguardo spazia tra l’azzurro del cielo e del mare alla nostra destra, e laguna o terreni coltivati alla nostra sinistra.
Parallelo all’acqua c’è una lingua d’asfalto che noi andremo a percorrere ammagliati da una distesa azzurra.
Fare attenzione perché la strada è transitabile anche alle auto. Dalle indicazioni ricevute dovrebbero essere poche e rispettose dei molti ciclisti solitamente presenti in zona.
A circa metà della sacca troviamo un bar e  un km dopo una zona attrezzata dove è prevista la pausa pranzo (al sacco).
Verso la fine della sacca, alla nostra sinistra c’è un campeggio, in corrispondenza del quale a destra c’è un accesso al mare. Sfrutteremo questo accesso per andare a vedere l’unica vera spiaggia che troveremo nel nostro percorso.
Rientrati sulla strada asfaltata con poche decine di metri arriviamo in zona Barricata. Li possiamo visitare una bella scogliera sul mare.
In corrispondenza dell’entrata del campeggio troveremo il pullman (fine del percorsi più brevi).
Chi vorrà completare l’intero perimetro dell’isola dovrà pedalare per altri circa 20 km lungo l’argine del Po’ di Tolle prima e di Venezia poi. Come l’argine del Po’ di Gnocca in parte è asfaltato e in parte con erba, con parallela una strada asfaltata percorribile anche dalle auto. Consigliabile una bici adatta allo sterrato. Chi percorrerà l’argine vedrà alla propria destra le acque del fiume e alla propria sinistra i paesi e terreni coltivati. Gli altri percorrendo la strada vedrà  solo alla propria sinistra, in quanto si viaggia sotto il livello dell’argine.                     
Tempi di percorrenza:  (15 km/h) ore 3:00 - 4:15 soste escluse.

E’ sufficiente una normale bicicletta in buono stato di manutenzione tipo city bike. Consigliabile la mountain bike per l’argine sterrato. Portare kit di riparazione o camera d’aria di ricambio. Casco consigliato, soprattutto per i minori. Pranzo al sacco.   Adesioni  fino all’esaurimento dei 50 posti disponibili e comunque entro giovedì 6 giugno 2019 con versamento di un acconto di 10 Euro (la quota individuale complessiva è di 20 €).
La ciclabile sul web: PisteCiclabili.com
 Info: mail: montagnaatuttabirra@gmail.com,  Giorgio 3331469831, Gianni 3388433950,  Girolamo  0499425908 – 3775364040, Silvano 0495991351 – 3381343100


Domenica 2 giugno  M. Tognazza e Tognola da Lago di Calaita
L'escursione viene rinviata a data da destinarsi causa il perdurare dell'innevamento oltre i 1800 m.  In sostituzione viene proposta la seguente:

Mezzano - Prati di San Giovanni - Cresta di Cordognè, 1314 m

Ritrovo in Piazza Prandina e partenza alle ore 7.00. Itinerario: San Pietro in Gù – Nove- ai Trenti (ore 7:30 ) – SS. 47 Valsugana – Arsiè – Mezzano (80 km, ore 1:20;  costi auto 160  x 0,20 = 32 €)
Dal parcheggio di Oltra (643 m) a Mezzano, si prende il sentiero 728 che sale fin da subito ripido nel bosco e conduce ai tabià di Tasé. Queste architetture tipiche ci accompagneranno lungo tutto l'itinerario, comparendo di tanto in tanto tra il bosco e i prati. Proseguendo, il sentiero conduce alle località Taiadoi e Falasorni (proprio sopra la Val Noana); da qui, tra i fiori di montagna, scenderemo ai prati "Liendri" con, in bella vista sopra la collinetta (1190 m circa), la chiesa di San Giovanni, costruita nei primi anni del cinquecento per dare un luogo di culto ai contadini e carbonai che per diversi mesi lavoravano nelle zone circostanti. Si prosegue per il sentiero 728 fino a trovare la traccia che porta sulla cresta del monte Cordogné (1314 m). Da qui si scende seguendo la strada segnavia 728, per un breve tratto già percorsa in senso opposto all'andata, che rientra nel bosco e scende ripidamente fino alla Coppera e all'abitato di Oltra.
Dislivello: 700 m – Lunghezza: 11 km – Difficoltà:  E – Tempi di percorrenza: 6 ore complessive

Info: mail  montagnaatuttabirra@gmail.com Francesco  3319213767, Girolamo  0499425908 – 3775364040,     Silvano 0495991351 - 3381343100.

Domenica 9 giugno Cima Bocche da M.ga Vallazza (rinviata a data da destinarsi)

Causa la chiusura della Val Settimana, l’escursione in programma (Bivacco A. Goitan) viene spostata nella vicina val Cimoliana:
Domenica 23 giugno Rifugio Pordenone – Bivacco Granzotto Marchi,  Dolomiti Friulane  

Partenza da Piazza Prandina alle ore 6:00 per Nove, sinistra Piave, Longarone, Cimolais, Val Cimoliana (km 130, ore 2:15 ; costi auto indicativi  260x0,20= 52)

Escursione tra le più belle del Parco delle Dolomiti Friulane. Il bivacco si trova in una conca panoramica tra bellissime montagne.

Da Cimolais si percorre tutta la Val Cimoliana (km 14) fino a Pian Meluzzo (parcheggi). La strada è a tratti non asfaltata e supera 2 guadi che in caso di forti piogge possono essere molto dissestati. Da metà aprile a metà ottobre transito a pagamento nei giorni festivi.

Da Pian Meluzzo si seguono le indicazioni per il bivacco, segnavia 361, e in circa un'ora tra le imponenti ghiaie si arriva al pascolo dove sorge il piccolo Cason dei Pecoli (bivacco di emergenza ricostruito di recente). Ora il sentiero, segnavia 359, sale ripidissimo nel bosco e uscitone continua sempre ben sostenuto fino ai prati superiori dove si scorge quasi all'ultimo il bivacco posto su un dosso. Dal bivacco, per sentiero n° 349, si traversa in quota e poi si risalgono le ripide ghiaie che portano a Forcella del Leone mt 2295. Si scende per buon sentiero sull'immane ghiaione fino a raggiungere una zona prativa (bellissima fioritura estiva, camosci). Si continua la discesa quasi sempre su ghiaie fino a uscire nei pressi di Casera Meluzzo. Una deviazione indicata poco sopra porta al rif. Pordenone. Da qui in breve al parcheggio

Dislivello 1150 m, ore 6:30 ,  difficoltà E con tratto EE.


Info: mail: montagnaatuttabirra@gmail.com,  Raffaele 34732451190, Girolamo  0499425908 – 3775364040, Silvano 0495991351 - 3381343100

Sabato 6 - Domenica 7 luglio   Monte Canin  ferrata Julia

Sabato 6 luglio Ritrovo in Piazza Prandina e partenza alle ore 6:30. Itinerario: San Pietro in Gù – Padova Ovest – A4 – E70 – A23 – Tolmezzo – Sella Nevea (ore 7:30 ) (270 km, ore 3:05;  costi auto 540  x 0,20 =108 + 33 pedaggi= 141 €)
Punto di partenza il parcheggio della funivia del Canin a Sella Nevea. Da qui si può scegliere se prendere la funivia o salire in 2 ore e 730 m di dislivello per raggiungere il Rifugio Gilberti. (pernottamento).

Domenica 7 luglio Dal Rifugio Gilberti si prende a destra il sentiero 632 in direzione Sella Bila Pec. Raggiunta quest'ultima (resti del vecchio Rifugio Canin) il sentiero prosegue verso sinistra e ci porterà ad attraversare un gigantesco anfiteatro disseminato di cavità, inghiottitoi ed abissi. A un certo punto si arriva ad una biforcazione sotto una ripida scarpata detritica. Seguendo la traccia di sentiero in salita, si superano alcuni gradoni e lastroni ripidi giungendo ad un terrazzo detritico. Il ghiacciaio, notevolmente arretrato di recente, lo sfioriamo di lato aggirandolo sulla sinistra e giungendo così all'attacco della ferrata.
La ferrata parte superando una paretina di roccia ripida, assicurata nella parte iniziale da una catena. Si sbuca così su un pendio detritico e, superate alcune roccette, si passa poi lungo una fessura nascosta con rocce articolate (staffe e cavo). Superata la fessura, il percorso prosegue su alcune roccette che ci permettono di raggiungere la cresta sommitale che svoltando a destra porta lungo un'agevole sentiero alla croce di vetta del Monte Canin (m 2587).
Dopo una breve pausa di ristoro, per il rientro si ripercorre al contrario l'ultimo tratto del sentiero in cresta fino all'imbocco della via delle Cenge. Da qui si può scegliere se scendere da questa o proseguire lungo il sentiero che si articola per la parete sud del gruppo del Canin in territorio sloveno, passando sotto la cima del Monte Forato. Giunti sotto quest'ultimo, il sentiero prosegue sulla sinistra e, superando dei tratti di roccia carsica con numerosi anfratti, arriva fino a Sella Prevala. Da qui si prende il comodo sentiero che attraversa la conca Prevala e porta alla stazione a monte della seggiovia del Canin.

Dislivello: 950 m (2° g.) Tempi di percorrenza:  6:00. Difficoltà: EEA
Info: mail: montagnaatuttabirra@gmail.com,  Raffaele 34732451190, Girolamo 3775364040

Adesioni entro martedì 25 giuigno


Sabato 27 - Domenica 28 luglio  Breithorn Occidentale, 4165 m. (Gruppo del Monte Rosa – Alpi Pennine)

Sabato 6 luglio   Partenza da Piazza Prandina alle ore 6:30 via autostrada A4 – E25 (VI Nord – Chatillon)  e arrivo a Breuil-Cervinia  (km 403, ore 4:05 ; costi auto indicativi  800x0,20= 160+73 pedaggi = 233 per mezzo, pulmino 9 p. a noleggio 200+80+73 = 353 )
Con le dovute pause per i panorami e acclimatamento, salita con impianti fino al Plateau Rosa, 3480 m (€ 18,50 per le tre tratte, gruppi almeno 5 p.).
Percorso dal Plateau Rosa al Rifugio Teodulo, 3317 m, mezz’ora. Resto del pomeriggio per riempire gli occhi, ripasso procedimento in cordata, ecc. Pernottamento al rifugio (mezza pensione 50-60 €).
Domenica 7 luglio  Ore 5.00 circa, sveglia e colazione. Partenza per la salita alle 6:00-6:30. Per la relazione della salita fare riferimento al sito vienormali.it.  Attrezzatura alpinistica completa (imbrago, piccozza, ramponi, casco). Tempi di salita circa 3 ore. Discesa per l’itinerario di salita (2 ore fino al Plateau Rosa).
Discesa con impianti, ultima corsa 15:45 (€ 11,50 per le tre tratte, gruppi almeno 5 p.)
Dislivello: 850 m in salita, 685 in discesa 2° giorno. Difficoltà: AG, F.  Tempi di percorrenza: come da descrizione.
Note: La salita non ha grandi difficoltà, ed è alla portata anche di chi non ha grande esperienza, purché con discreto allenamento, soprattutto per la quota. Chi non volesse  fare la salita, tenere presente che il percorso fino al Rifugio Teodulo, dove si pernotta, può richiedere attrezzatura alpinistica (ramponi).

 Info: mail: montagnaatuttabirra@gmail.com,   Girolamo  0499425908 – 3775364040,  Mario 3336780308.  Adesioni il prima possibile, entro il 15 giugno.


 ..... agosto.. 


Domenica 8 settembre  Cima Dodici - Altopiano dei Sette Comuni

Partenza da Piazza Prandina alle ore 7.00. Itinerario: San Pietro in Gù – Marostica – Lusiana – Asiago – Camporovere – Val Galmarara – Malga Galmarara . (61  km,  ore 1:27;  costi auto 122  x 0,20 = 25 €)

L’itinerario permette di raggiungere la cima più alta di tutto l’Altopiano e di tutti i monti vicentini, procedendo in un ambiente ricco di testimonianze belliche e storiche.
Da malga Galmarara, 1614 m. (parcheggio), si segue il sentiero 830 in direzione Nord su rotabile, che si abbandona alla Busa della Pesa, poco sotto il Biv. Tre Fontane, per risalire una mulattiera sulla sinistra. Superato un tratto fra mughi si giunge ad una radura dove si trova il  Bivio Italia, con un rudimentale bivacco. Per segnavia 835  si riprende la strada, scendendo lungo la Kaiser Karl Strasse fino ad una curva a quota 1985, dove la si abbandona per deviare su sentiero che guadagna la base della piramide sommitale di Cima Dodici. Si sale più ripidamente, immettendosi in un  tratto comune col segnavia 208, e svoltato a sinistra a metà della salita si percorre un tratto in piano fra mughi prima del tratto finale che porta alla sommità della nostra cima, 2336 m.
Dalla cima il panorama è vastissimo e a 360 gradi: dalla pianura, alle Dolomiti di Brenta, ai Lagorai, alle Pale di San Martino, alle Dolomiti Bellunesi, al monte Grappa.
Ritorno per il medesimo itinerario  o per sentiero 211 al Biv. Busa delle Dodese dal quale verso Sud si raggiunge la Karl Srtrasse e il Bivio Italia.
Dislivello 750 m. Tempi di percorrenza: ore 6. Difficoltà: E
Info: mail  montagnaatuttabirra@gmail.com,  ,  Girolamo  0499425908 – 3775364040 Silvano 0495991351 - 3381343100. 

Venerdì 20 - Lunedì 23 settembre (4 giorni) Isola di Cres (Cherso) - Croazia

Programma20-09: partenza ore 5:00 (Tezze S/B), 5:15 (San Pietro in Gù) per Trieste (A4) e Brestova. Traghetto per Porozina (Cres) ore 9:45. Arrivo 10:15 circa. Visita della parte Nord dell'isola (Tramuntana) con salita al M. Sis, 639 m dal passo Krizic (ore 1:20 disl. 300 m), visita di Beli (spiaggia, ponte romano) e sentieri ecologici nel bosco di Tramuntana. Trasferimento a Cres (30', Case mobili camping Kovacine).
21-09: visita della città di Cres, capoluogo dell'isola, con i suoi palazzi, chiese e le spiagge.
Visita al pittoresco villaggio di Valun nell'omonima baia con le spiagge di ciottoli  e Lubenice, arroccata sulla scogliera a 380 m sul mare (sentiero per la spiaggia di San Giovanni). Loznati (cena tipica eventuale).
22-09: trasferimento a Osor (30'). Traversata del Monte Ossero, 588 m sull'Isola di Lussino, da Osor a Nerezine (mezzo predisposto per il ritorno), 12 km. disl. 600 m, 5 ore. Visita alle località (anche in alternativa, gruppo B).
23-09: visita alla parte sud dell'isola, fino a Punta Krizia (45 km da Cres), Lago di Vrana, Orlec. Ritorno a Porozina e imbarco per l'Istria. Ritorno in serata.
Il programma potrà subire dei cambiamenti, pur rimanendo fitto e ricco di alternative.
Per una conoscenza dell'isola vedere al sito Croaziainfo.it
Viaggio con pulmini 9 p. a noleggio, carburante, pedaggi, traghetto. Soggiorno 3 notti in camere a 2 e/o 4 letti con biancheria, servizi , sogg.cucina  Case mobili Camping a Cres : ca. € 140 a persona.  Escluso pasti  (in autogestione ). Max. 27 partecipanti. Adesioni preferibilmente entro il 15 giugno (acconto 50 €).



Info: mail: montagnaatuttabirra@gmail.com,  Girolamo  0499425908 – 3775364040     Mario 336780308  

Domenica 6 ottobre M. Cornetto da P.so di Campogrosso - Piccole Dolomiti

 Partenza da Piazza Prandina alle ore 7.00 precise (attenzione al cambio dell'ora) . Itinerario: San Pietro in Gù - Vi Nord - Schio - Passo di Campogrosso. Ritrovo al passo  alle 8:30  (67 km,  ore 1:15;  costi auto 134 x 0,20 =27 € )


  Si prende la strada statale che porta a Recoaro Terme e si prosegue verso la località Merendaore , per poi salire la carrabile fino a Campogrosso dove vicino al rifugio Giuriolo ci sono ampi posteggi per l’auto . Da li proprio davanti al rifugio , sotto la parete della Madonna della Sisilla, parte il sentiero, all’inizio molto pianeggiante , e man mano che ci si inoltra inizia prima a salire abbastanza semplice e privo di difficoltà tecniche ma su un terreno abbastanza ripido , ma che presenta dei panorami notevoli sulla conca di Campogrosso , per poi inerpicarsi nelle creste molto frastagliate mutando continuamente la direzione con continui saliscendi fino al Passo delle Gane , si sale fino alla Forcella del Baffelan , un tratto in discesa su canalone fino ad arrivare al Passo del Baffelan , qualche tratto più impegnativo, EE.
  Variante facile : Esiste una variante dal Passo delle Gane che porta il numero 177 con sui si arriva al Passo del Baffelan senza passare nel tratto della Forcella del Baffelan .
Il sentiero poi prosegue abbastanza regolare , presenta dei passaggi in galleria e passaggi su alcune passerelle prive di pericoli e attrezzate con cavi di acciaio della lunghezza di circa 3-4 metri , fino ad arrivare a Passo degli Onari , questo pezzo chioamato anche sentiero di arroccamento che sale fino ad arrivare in quota al Monte Cornetto è il più bello anche sotto il profilo panoramico , sempre tempo permettendo . Giunti sulla Forcella del Cornetto si presenta una catena di circa 15 m , non molto difficile , la roccia presenta appigli molto grandi e non e in verticale .
  Variante facile : per chi non se la sentisse di salire , proseguendo per la selletta dell’Emmele 175 si può scendere fino alla strada del Re , ora attrezzata con un ponte in acciaio per superare la frana e risalire per la restante carrabile fino a Campogrosso. ( rosso tratteggiato) , oppure prendendo quello che scende verso il 170 di malga Boffental (arancione tratteggiato )
Per chi invece supera il tratto attrezzato , si sale fino alla croce del Monte Cornetto , la cima più alta del gruppo Sengio Alto , per poi attraverso il 175 scendere fino al bivio con il 170 Selletta Nord-ovest e poi rientrare a Campogrosso , oppure scendere ancora fino al Pian delle Fugazze .
  Per qualsiasi itinerario si intenda prendere lo scenario e i panorami , la cengie e i passaggi di questo sentiero sono sempre molto molto belli e incredibili permettendo di avere una visuale a 360 del Gruppo del Sengio Alto.
Tempo di percorrenza del sentiero: 3h10 fino al Monte Cornetto (circa ore 1:30 per il rientro). Dislivello totale : 600 m. Quota massima raggiunta : 1899 m. Difficoltà: E, qualche tratto EE.

Info: mail  montagnaatuttabirra@gmail.com,  ,  Luisa  371 183 7546 - Girolamo  0499425908 – 377 536 4040 Silvano 049 5991351 - 338 134 3100.

Domenica 20 Ottobre        Pederobba -  Monfenera tra i castagneti
s
Partenza da Piazza Prandina alle ore 7.30 precise . Itinerario: San Pietro in Gù – Nove – Romano d’Ezzelino (ore 8:00 park Romano Medica) – Possagno – Pederobba  (45 km,  ore 1;  costi auto 90 x 0,20 =18 € )

  Un percorso che si libera tra una ricca vegetazione boschiva lungo il sentiero CAI 221, la partenza dalla dorsale di San Sebastiano, permette fin da subito di apprezzare un’ampia panoramica del serpeggiante fiume Piave. La nostra salita ha come meta l’Alta Via delle Prealpi Trevigiane TV1 del Monfenera, che incrociamo nella località della “Casera dei Bai”, punto più alto del percorso, 732 m.
  Riprendendo la via del ritorno seguendo le indicazioni sempre del sentiero CAI 221 all’ ingresso dell’ex osteria Monfenera, si scende liberamente lungo i “boschi grandi”.  Questa è la terra della castanicoltura dei Marrone di Monfenera IGP, prodotto tipico del Luogo. Per completare la passeggiata il centro di Pederobba offre un paesaggio variegato tra ville e vecchie case in pietra.

Tempi di percorrenza: ore 4:30 circa. Dislivello: 500 m. Lunghezza: Km 13,5. Difficoltà: E
Info: mail: montagnaatuttabirra@gmail.com,       Mario 336780308,   Girolamo  3775364040











 Il calendario è al momento una bozza. Si attendono ancora nuove proposte.

Febbraio -------------------------------------------------------------------------------------

Cansiglio:  giro delle Malghe (rinviata al prossimo anno)

Marzo -----------------------------------------------------------------------------------------

Sabato 3 marzo - Ciaspolada al chiaro di luna
Bertigo – M. di Val Bella – Cima Ekar ( Altopiano dei Sette Comuni) 

Ritrovo in Piazza Prandina alle ore 16:45 e partenza alle ore 17:00 . Itinerario: San Pietro in Gù - Nove – Marostica – Conco – Turcio - Bertigo (45.8725 - 11.56425 (45°52'21" N - 11°33'51" E)). Ore 18:30-19:00 inizio escursione. Ore  21:30 – 22:00 cena presso Agriturismo La Casara a poche centinaia di metri dal parcheggio.

Facile itinerario ad anello con partenza dalla località Bertigo,  sulla strada che da località Turcio conduce a Gallio. Seguendo alcune carrareccie e tratti di sentiero si guadagna la dorsale presso il Monte Valbella, monumento e lapidi a ricordo della Battaglia dei Tre Monti. Nel bosco per forestale si perde leggermente quota andando a percorrere un singolare corridoio fra altissimi abeti allineati (“bosco dell’impero”). Si risale sulla dorsale  con panoramiche vedute sulla conca di Asiago per giungere a cima Ekar con l’Osservatorio Astronomico. Con percorso alternativo si ritorna sulla dorsale e quindi per sentiero che costeggia i pascoli delle Malghe di Costalunga si ritorna al punto di partenza.

Dislivello complessivo: 200 m circa . Sviluppo circa 5-6 km. Tempi di percorrenza: ore 2:30-3:00 complessive. Difficoltà: E/EAI. Il percorso richiede in caso di neve (auspicata) l’uso delle ciaspole (racchette da neve). L’uscita si effettuerà anche in assenza di neve. Si consiglia una abbigliamento adeguato alla stagione comprendente una giacca antivento. Utile una pila frontale.
Info: mail  montagnaatuttabirra@gmail.com, Giorgio 3331469831,   Silvano 0495991351 - 3381343100,  Girolamo  0499425908 – 3775364040.  Adesioni entro Giovedì 1 marzo.  


Aprile -----------------------------------------------------------------------------------------

Lunedì 2 aprile - Pasquetta  sui Colli Berici

Ritorovo in Piazza Prandina alle ore 8:30, a Grantortino (da Giorgio) alle 8:45. Alle ore 9:15  a Villabalzana presso la Chiesa Parrocchiale.

Ore 9:30 inizio escursione. In direzione ovest, percorrendo carrerecce, tra prati e boschi in 15' si arriva a case Rappo, con panorama sul lago di Fimon. Si scende, quindi, sulla dx, per la strada “delle fungare”. Si tiene a sx, verso sud per passare sotto case Rapo e davanti a delle grotte con cancello in ferro. Sono ex cave riutilizzate come grotte per l'allevamento dei funghi, ora dismesse,  da cui il nome “fungare”. Attraverso campigoli e vigneti si ripassa sotto il campanile di Villabalzana, e si inizia, su sentiero in mezzo al bosco, il giro del bacino del lago di Fimon a sud.  Il sentiero all'inizio è in falsopiano, per subire poi un'impennata per aggirare l'agriturismo “Val Chegozzo”. Si arriva quindi ad incrociare una ex carrozzabile che proviene da nord. Questa è la “Strada della Mussa”, che percorreremo al ritorno con sullo sfondo il lago di Fimon.
Noi proseguiamo a sx verso sud e attraversando un pascolo raggiungiamo l'Antica Osteria alla Moreieta. Quindi subito a sx per una carrereccia arriviamo davanti al “Penacio”; sorpassato, il quale verso nord, prendiamo il primo sentiero a sx, che attraverso boschi ci porta ad una strada asfaltata dietro a “Agli Olmi”, che in poco tempo raggiungiamo.
12,30 pranzo.
Dopo il pranzo, prima per strada asfalta e poi strada bianca raggiungiamo il “Penacio”, poi per il sentiero percorso in mattinata in andata assiamo davanti alla “Moreieta”, e quindi per la “Strada della Mussa” raggiungiamo il lago di Fimon. Due ore circa , praticamente tutte in discesa.
Dal lago chi vorrà raggiungere Villabalzana a piedi, con mezzora circa sale per la “strada della Fungara”, oppure chi vorrà salire in auto troverà delle auto preventivamente parcheggiate.

Certi della vostra presenza entusiasta e numerosa, l'organizzazione ringrazia fin d'ora la vostra cortese attenzione.

Per ovvi motivi organizzativi si gradirebbe l'adesione entro Martedì 27/03/18: mail  montagnaatuttabirra@gmail.com,  Giorgio 333 1469831, Girolamo 377 5364040, Silvano 338 1343100.

Domenica 8 aprile  Sentiero Nino Lot  (Cansiglio) - Grotte del Caglieron

Partenza ore 7:00 da Piazza Prandina, ore 7:30 park Romano Medica

Punto di partenza ed arrivo: Osigo (Fregona), Pont de le Levine, sulla strada per il Cansiglio. (poco meno di 100 km da San Pietro in Gù)
Coordinate punto di partenza ed arrivo: 46° 1’0.52″N 12°21’28.11″E
Tempo di percorrenza: 4 h circa
Aumento di quota: 780 m
Distanza: 8,13 km


La partenza del sentiero Nino Lot si trova nei pressi del Pont de le Levine, lungo la strada che da Osigo (Fregona) porta in Cansiglio.
Seguiamo il segnavia 1036A e dopo aver incontrato un pianoro con dei ruderi, entriamo nel bosco camminando tra rocce affioranti. La traccia è sempre ben marcata e a quota 800m notiamo la tabella del sentiero dei Balot, possibile variante. Ancora pochi minuti ed eccoci arrivati al bivacco Nino Lot, a quota 1010 m.
Riprendiamo la salita in direzione di Cadolten. Alcuni tratti leggermente esposti sono agevolati da cordino metallico ma complessivamente il sentiero non presenta alcuna difficoltà. Arriviamo in località Pigotera dove sorgono alcune casere e poco dopo incontriamo gli splendidi faggi tipici del Cansiglio, ai piedi del Monte dei Forestali. Superato il vecchio roccolo de Torente, la vista si apre all’improvviso verso le colline del Vittoriese, i laghi di Revine e nelle giornate più limpide non è raro osservare l’adriatico. Siamo ormai alle quote più alte dell’escursione, circa a 1200 metri e di fronte a noi appare in lontananza il monte Croce.
Ancora panorami ed eccoci nell’immensa prateria di Cadolten, dove sorgono casere, caserin e malghe. Scendiamo nella conca tramite una strada forestale che ci condurrà al capitello di San Floriano, che in passato fu un’importante meta di devozione durante l’alpeggio.
Iniziamo la discesa verso la Val Armada lungo la Strada del Santo, un’antica strada “remiera” diretta a Sonego che veniva utilizzata dalla Serenissima per trasferire a valle il legname impiegato nella costruzione dei remi della sua flotta navale e giungiamo nei pressi di un altro importante capitello, dedicato a Sant’Antonio. Qui il panorama è veramente spettacolare verso la pianura, mentre a nord intravvediamo la cima del Col Visentin.
 Riprendiamo la discesa lungo i ripidi pendii del Crep de la Scala seguendo il segnavia n.1036A, ma facciamo una deviazione al Pian de Tieda in direzione della chiesetta di San Daniele.
Dopo il Col Pravinera notiamo alcune mura misteriose. Infatti, sul colle retrostante alla chiesetta di San Daniele, sorgono i resti di un antichissimo sito archeologico, probabilmente riferibile all’età del ferro.
Riprendiamo il cammino e dopo pochi metri  eccoci alla chiesetta di San Daniele: anche qui un panorama invidiabile. Qualche minuto di cammino sulla via crucis e siamo sulla strada che porta in Cansiglio.
La percorriamo per poche centinaia di metri in salita e chiudiamo l’anello nuovamente al Pont de le Levine.

(tratto da http://www.marcadoc.com/sentiero-nino-lot-alla-scoperta-delle-prealpi-con-giovanni-carraro/)
Info: mail: montagnaatuttabirra@gmail.com,  Raffaele 34732451190, Girolamo  0499425908 – 3775364040, Silvano 0495991351 - 3381343100


Domenica 29 aprile  Rifugio Scarpa - Col di Luna (Pale di San Martino)

  Partenza da Piazza Prandina alle ore 7:00.  Birreria Trenti ore 7:30 . Itinerario: San Pietro in Gù – Nove – SS 47 della Valsugana – Fiera di Primiero – Frassenè (110 km, 2 ore, auto).

  Da località Domadore di Frassenè, in Comune di Voltago Agordino, si segue una sterrata che conduce al Rifugio Scarpa-Gurekian e alla vicina Malga Losch. Per sentiero segnavia 733 si costeggiano le pendici dell’Agner in direzione del Col di Luna. Raggiunto un bel tatto panoramico ai prati di Luna, si continua  fino alla croce metallica del Col di Luna con panorama sull’Agner, Croda Granda e tutta la Conca Agordina. La discesa avviene per fitto bosco con qualche tratto ripido seguendo le indicazioni per Frassenè fino ad incrociare una strada che conduce al punto di partenza.
  L’itinerario può essere percorso anche in senso inverso

Dislivello: 700 m.    Tempi di percorrenza: Ore 4:30 complessive.  Difficoltà: E (escursionistico)


Info: mail: montagnaatuttabirra@gmail.com, Mario 3336780308,  Silvano 0495991351 - 3381343100,  Girolamo  0499425908 – 3775364040

Maggio --------------------------------------------------------------------------------------

 Martedì 1° maggio Ciclabile Fossona – Monselice – Este ….65 km in piano.

Ritrovo a San Pietro in Gù in Piazza Prandina  alle 8:15 (8.30 da Giorgio). 

  L’itinerario inizia a Fossona, quindi per Treponti ci si porta a Praglia, per proseguire verso Battaglia Terme. Si toccano le città murate di Monselice ed Este, quindi per Vò vecchio, Carbonare di Rovolon e Bastia si ritorna a Fossona.
Il percorso è in pianura per una lunghezza complessiva di 65 km. E’ sufficiente una normale bicicletta in buono stato di manutenzione. Utile kit di riparazione.
Pranzo al sacco durante il percorso.
Nota importante: il trasporto delle bici a Fossona (32 km da San Pietro in Gù) sarà autogestito. Quindi chi avesse disponibilità di portare qualche bicicletta oltre le proprie è pregato di segnalarlo.

Info: mail  montagnaatuttabirra@gmail.com,   Giorgio 3331469831.   

Domenica 13 maggio   Sentiero  dei Contrabbandieri  Massimiliano Torti                                                          (Monti del Garda) 
                                                        
Partenza da Piazza Prandina alle ore 7:00. Itinerario: San Pietro in Gù – Valdastico – A4 –Rovereto Sud – Pregasina (loc. Regina Mundi) (165 km, 1 h 53 minuti, auto).

Via / Sentiero Alpinistico a picco sul lago di Garda, dedicato a Massimiliano Torti, chiamata anche: Sentiero dei Contrabbandieri o Tracciolo.
Questo stupendo percorso panoramico e d'avventura è un mix tra una via alpinistica facile e un percorso con tratti attrezzati anche molto difficili (singoli passaggi attrezzati). La gran parte del percorso è infatti una facile via alpinistica orizzontale, da percorrere in conserva media. Mentre, alcuni tratti verticali, strapiombanti o nel vuoto sono attrezzati con corda statica o con cavetti. Il ritorno si sviluppa attraverso un vallone molto avventuroso.  E’ una via per chi vuole ammirare paesaggi incantevoli e mozzafiato sul Lago di Garda. E' anche utile per iniziare a provare l'ebrezza dell'alpinismo, o per chi vuole esercitarsi sul facile nella conserva e nelle manovre di corda.
Dislivello: 640 m.    Tempi di percorrenza: Ore 5.   Attrezzatura: Casco, set da ferrata (30 m corda e rinvii ogni 3 persone). Difficoltà: F/facile (II°), EEA
Itinerario B: ESCURSIONE PREGASINA – PASSO ROCCHETTA
Dal centro abitato di Pregasina, frazione di Riva del Garda (TN), si percorre il sentiero 422B in direzione di Passo Rocchetta. Lungo il sentiero non mancano spettacolari scorci sul lago di Garda sia verso la sponda trentina che verso la sponda veneto-lombarda.
Itinerario ad anello: Pregasina (h 535mt) – Malga Palaer (h 950mt) – Passo Rocchetta (h 1160mt) – Bocca Larici (h 910mt) – Pregasina (h 535mt)
Dislivello: 625 m.    Tempi di percorrenza: Ore 4. Difficoltà  E

Info: mail: montagnaatuttabirra@gmail.com,  Gianni  3388433950 , Girolamo   3775364040

Domenica 20 maggio Cresta di Naole – Rifugio Chierego (Monte Baldo)

Partenza da Piazza Prandina alle ore 7:30. Itinerario: San Pietro in Gù – Valdastico – A4 – Affi -  SP29 – SP9 Str. per Naole – Località Due Pozze (121 km, 1 h 37 minuti, auto).

L’itinerario segue la bella Cresta di Naole in ambiente per lo più prativo con panoramiche aperte dapprima sulla Valle dell’Adige quindi sulle acque del Lago di Garda.  E’ consigliabie soprattutto in tarda primavera, immediatamente dopo il disgelo, quando le pendici del Monte Baldo divengono un magnifico giardino spontaneo nel quale non mancano fioriture di piante rare.
  Da località Due Pozze si torna indietro lungo la carreggiata sino a passare a sinistra sull’evidente sterrata chiusa al traffico.  Per l’ampia mulattiera in direzione sudest raggiungiamo una splendida apertura presso Malga Zocchi (m 1282). Vista sul settore meridionale del Lago di Garda.
 Riprendiamo la comoda mulattiera nella boscaglia sino a raggiungere l’estremità meridionale del percorso. La sterrata volge quindi a sinistra per poi tornare verso nordest in direzione della Malga Colonei di Pesina. Abbandoniamo pertanto la mulattiera che raggiungerebbe in pochi minuti la malga per passare su sentiero 662 con indicazioni per “Naole” che sale in moderata pendenza tra prati e frazioni boschive.

  Il percorso si sviluppa all’interno di un solco racchiuso tra due creste erbose appaiate. In alternativa è possibile procedere seguendo il crinale erboso. ll bordo del crinale appare curiosamente definito da un lungo muro a secco che in pratica può essere seguito come riferimento anche in assenza di un vero e proprio sentiero segnato. Procedendo verso nord si raggiunge il culmine della Punta di Naole, m 1659. Si discende all’Ex Forte di Naole ,  in evidente stato di abbandono. Si tratta ora di rientrare sul percorso segnato, il sentiero 662, che raggiungiamo traversando dal Forte alla Bocchetta di Naole , m 1648. 

  Lasciamo alle nostre spalle la lunga Cresta di Naole per passare sul sentiero 658 affrontando la frazione più bella. Il bel sentiero, scavato nel manto erboso, ricalca ora fedelmente il filo di cresta. Alla nostra sinistra, lievemente sotto crinale, si sviluppa una mulattiera più ampia e comoda tuttavia è preferibile il sentiero in quanto segue la sinuosa cresta offrendo splendide visioni su entrambi i versanti. In tarda primavera, quando gli ultimi nevai sono in avanzato stato di fusione, la zona è costellata di migliaia di fiori a rendere il tutto ancora più suggestivo. Il sentiero abbandona per un breve tratto lo spartiacque aggirando sul lato gardesano un risalto della cresta particolarmente erto per poi riportarsi sul crinale in coincidenza del Rifugio Fiori del Baldo, m 1815 – ore 3. Cento metri più in alto, raggiungiamo salendo senza difficoltà lungo l’ampio ed erboso crinale con splendido panorama il Rifugio Chierego , m 1911 (possibilità di salita alla cima di Costabella, 2053 m).

  Il rientro avviene transitando di nuovo per i rifugi Chierego e Fiori del Baldo. Procediamo quindi lungo il segnavia in direzione della Bocchetta di Naole fino al punto in cui il sentiero abbandona lo spartiacque per volgere a sinistra in direzione della sella ormai vicinissima. Per abbreviare il rientro tralasciamo il sentiero volgendo invece a destra per calare liberamente nel prato sino a guadagnare la sottostante larga carrareccia. Seguiamo la strada bianca verso meridione rientrando direttamente al parcheggio in località Due Pozze.
Dislivello: 700 m. Tempi di percorrenza: ore 5 complessive. Difficoltà E
Info: mail: montagnaatuttabirra@gmail.comGiorgio 3331469831, Girolamo   3775364040


Giugno -------------------------------------------------------------------------------------

Sabato 2 giugno   Val di Fanes,  lago di Limo, Rifugi Fanes e La Varella

Partenza da Piazza Prandina alle ore 6:00 (ore 6:30 park Romano Medica)  Itinerario: San Pietro in Gù – Romano d’Ezzelino – Sinistra Piave – Longarone – Cortina d’Ampezzo – SS. 51 Alemagna -Ponte Rio Felizòn, 1327 m (175 km, 3 h , auto).

Classico itinerario di eccezionale bellezza ambientale nel Regno di Fanes. 

  Dal Ponte Sul Rio Felizòn si intraprende per segnavia 10 una comoda stradina sterrata che accompagna il corso del Rio Fanes che forma alcune splendide cascate.  Il percorso porta al passo di Limo, 2174 m,  con l’omonimo lago, eventualmente transitando dal rifugio Gran Fanes. Ci si affaccia nella splendida conca ove sorgono i rifugi Fanes, 2060 m e La Varella, 2050 m, e il piccolo lago Verde incastonato tra il verde dei pascoli e il colore chiaro delle rocce dolomitiche, il tutto collegato da un sentiero circolare. 
 Dal Rifugio Gran Fanes è possibile intraprendere (eventuale e facoltativa, e se in condizione, in alternativa al giro dei rifugi) l’ascensione alla cima del M. Vallon Bianco, 2684 m, circa ore 3:30. 
  Durante la discesa è possibile e raccomandabile la visita alle cascate di Fanes (sentiero dei Canyons  e delle Cascate di Fanes) eventualmente anche per la variante attrezzata (set e attrezzatura in questo caso). Si tratta di un programma aperto a molte possibilità a seconda delle esigenze dei partecipanti. 

Dislivello 970 m complessivi, ore 6:30, difficoltà T - turistico -,  E - escursionistico - per l’itinerario base.
Dislivello 1350 m, ore 7:00 ,  EE - escursionisti esperti - allenati per M. Vallon Bianco.

Info: mail: montagnaatuttabirra@gmail.com,  Raffaele 34732451190, Girolamo  0499425908 – 3775364040, Silvano 0495991351 - 3381343100


Domenica 10 giugno  Giro del Lago d’Iseo - cicloturistica


Trasferimento in pullman granturismo con carrello portabici.
Ritrovo in Piazza Prandina alle 6:30 con le biciclette (si raccomanda la puntualità) Carico dei mezzi nel carrello e partenza alle 7:00 per il lago d’Iseo.
Arrivo a  Paratico per le ore 9 e partenza del gruppo A (giro completo di km 60). Il gruppo B (percorso ridotto di km 36) partirà da Riva di Solto, avendo quindi caricato le bici per prime, consentendo lo scarico dei mezzi del gruppo A. Entrambi i gruppi proseguono compiendo il giro del lago in senso orario giungendo al termine del percorso a Iseo stadio.                        
Tempi di percorrenza:  ore 5:00 - 6:00

E’ sufficiente una normale bicicletta in buono stato di manutenzione tipo city bike. Portare kit di riparazione o camera d’aria di ricambio. Indispensabile un gilet ad alta visibilità per tratti aperti al traffico e luce rossa posteriore per tratti in galleria. Casco consigliato, soprattutto per i minori. Pranzo al sacco.   Adesioni  fino all’esaurimento dei 50 posti disponibili e comunque entro venerdì 1 giugno 2018 con versamento di un acconto di 10 Euro. (la quota individuale complessiva potrà variare dai 18 ai 20 € in dipendenza del completamento o meno dei posti disponibili).
La ciclabile sul web: PisteCiclabili.com



 Info: mail: montagnaatuttabirra@gmail.com,  Giorgio 3331469831, Gianni 3388433950,  Girolamo  0499425908 – 3775364040, Silvano 0495991351 – 3381343100

Domenica 24 giugno  Quarta Pala di San Lucano  

Partenza da Piazza Prandina alle ore 6:30 (ore 7:00 park Romano Medica)  Itinerario: San Pietro in Gù – Romano d’Ezzelino – Sinistra Piave – Sedico - Agordo - Col di Prà (123 km, 2 h15', auto).

Da Col di Prà (parcheggio con divieto di transito) si sale per la carrareccia e poi per una scorciatoia marcata 761 che ne evita un tratto, fino a Pont (poco prima una traccia a destra permette di visitare due splendide cascate vicinissime). Quindi si attraversa il ponte e si prende il segnavia 764 diretto a Casera Malgonera (in ottimo stato, acqua) che si raggiunge in circa 1 ora e un quarto dal parcheggio (volendo evitare di raggiungere la casera, a circa quota 1350 un bivio mal segnalato indica per Gardes e conduce direttamente a Casera di Gardes). Dalla Baita Malgonera una traccia scende al torrente e attraversatolo sale nel bosco (segnavia CAI) fino a raggiungere in mezz'oretta su terreno aperto la malridotta Casera di Gardes (acqua). Dalla casera il sentiero sale alla evidente larga forcella di Gardes in mezz'ora. (Punto di arrivo itinerario B)


Dalla forcella si punta direttamente a S per tracce verso una evidente fascia di rocce e costeggiandola verso destra si arriva ad un canalino di I (bollo rosso sbiaditissimo) che permette di raggiungere i prati soprastanti. Ora si taglia in diagonale a sinistra per un buon tratto fino a che si nota vicina la cresta che si raggiunge con un ultimo tratto ripido verso destra. Un breve traverso sotto le rocce verso destra porta ai ripidi prati e infine alla cresta dove una traccia tagliata fra i mughi conduce al punto più elevato.
Discesa per la via di salita.( tratto da vienormali.it)

Dislivello 1400 m, itin. B: 1100 m . Tempi di percorrenza: 6 ore complessive. Diffficoltà: EE, I, F; itin. B: E  

Info: mail: montagnaatuttabirra@gmail.com, Mario 3336780308,  Silvano 0495991351 - 3381343100,  Girolamo  0499425908 – 3775364040


Luglio --------------------------------------------------------------------------------------

Domenica 1 luglio  Giro dei sette Laghi, M. Cola, Hoabonti  (Lagorai)

Partenza da Piazza Prandina alle ore 7:30.  Birreria Trenti ore 8:00 . Itinerario: San Pietro in Gù – Nove – SS 47 della Valsugana – Castelnuovo – SP  31 e SP 65 – Roncegno  – Malga Trenca (90 km,  costi auto 180x0,20=32 € ).
Percorso ad anello super panoramico e di grande soddisfazione. Da Malga Trenca, nei pressi del Rifugio Seròt,  si procede in direzione N, quindi a sinistra in direzione O percorrendo un’evidente stradina che sale con alcuni tornanti verso una grande croce in legno, prendendo poi la dorsale, per evidenti tracce di sentiero, che sale dritta fino alle vetta del Monte Cola m 2262. Dalla cima (croce) si piega verso O percorrendo la cresta in quota per traccia evidente fino alla vetta più alta del gruppo, l’Hoabonti. Dalla vetta si cala di quota brevemente di circa 100 metri, per tracce di sentiero, in direzione dello storico Passo La Portella: di qui, verso nord, si può osservare la Val Cava, da cui i “mocheni” (abitanti della valle dei Mocheni) salivano per raggiungere il passo e scendere in Valsugana per lavori e commerci. Prima di raggiungere il passo si arriva al bivio con il sentiero 325 e un cartello: “Attenzione, percorso alpinistico, procedere con attenzione”. Niente di che se non un tratto facilitato da una fune metallica e dei tronchi posti a rinforzare il sentiero franato. Giunti ad una piccola forcella a quota 2219, si cala per tracce in direzione dei bellissimi Sette Laghi. (eventualmente si può raggiungere la Forcella del Lago da dove si può vedere il Lago Erdemolo e quindi calare ai Sette Laghi).  Il livello di questi laghetti alpini è molto variabile, a seconda dell’andamento climatico. Arrivati al laghetto più in basso, senza scendere alla sottostante Malga Prima Busa, si prende il segnavia 323 che, con lungo percorso in costa, aggira a est il Monte Cola per riportarci alla base, attraverso vasti costoni ricoperti di rododendro. Bella la vista sulla verde Val di Cavè e, verso est, sul Monte Ciste che sta dirimpetto.
Dislivello: 680 m. Tempi di percorrenza: ore 4:30 complessive. Difficoltà: E (tratti EE)
Info: mail: montagnaatuttabirra@gmail.com,  Silvano 0495991351 – 3381343100, Girolamo  0499425908 – 3775364040

... Giro di Cima Lagorai  (Lagorai)

... Cima Tosa + itinerario B 2 gg.

Agosto -------------------------------------------------------------------------------------

... Grossglockner  due itinerari (cima eventuale) 2 gg.

Settembre ---------------------------------------------------------------------------------


Venerdì 7 - Lunedì 10 settembre  Trekking Gran Sasso  

Programma di massima
Venerdì 7: partenza alle ore 4.30, arrivo a L’Aquila alle ore 10 circa. Visita della città. Sistemazione in appartamenti nel borgo medievale di Santo Stefano di Sessanio.
Sabato 8: Trasferimento a Campo Imperatore e salita di un gruppo alla Cima del Corno Grande per la via normale (Disl. 800 m, 4 ore complessive, EE). Altre varianti da valutare in sede. Itinerario alternativo di minore impegno da concordare.
Domenica 9: Gruppo A: escursione da definire (Corno Piccolo, Monte Aquila, Pizzo d’Intermesoli..) Gruppo B: visita ai Borghi di Castel del Monte, Calascio, Rocca Calascio.
Lunedì 10: In mattinata passeggiata al laghi di Racollo e Passaneta. Partenza per il rientro. Eventuale visita alle grotte di Frasassi. Arrivo in serata.
Per il soggiorno con pernottamento e prima colazione, il viaggio di andata e ritorno e trasferimenti vari con pulmini a noleggio (auto private eventuali) è prevista una somma di circa  170-180 € a persona. Pranzi e cene in autogestione esclusi.
Abbiamo bisogno delle adesioni al più presto per la prenotazione dei posti, e comunque  entro il 20 giugno con versamento di una caparra di 50 € a persona.

Info mail: montagnaatuttabirra@gmail.com,  Gianni  3388433950 , Mario 3336780308,  Girolamo   3775364040

Domenica 23 settembre Alta Via Bepi Zac - Cresta di Costabella (attrezzato)

                                          B: Rif. Fuchiade - Forca Rossa
Ritrovo in Piazza Prandina alle ore 6.20 e partenza alle 6:30 precise, a Romano d’Ezzelino (park Romano Medica) ore 6:50. Itinerario: San Pietro in Gù – Romano d’Ezzelino – Cavaso del Tomba –  Sinistra Piave – Agordo – Cencenighe – Passo San Pellegrino. (140 km,  costi auto 280 x 0,20 = 56 € ).
L’itinerario percorre la cresta di Costabella e si conclude a forcella Ciadin con possibilità di rientro al passo di San Pellegrino. Offre un itinerario di straordinario interesse storico e con panorami a 360°. Ottimamente attrezzata con cordini metallici, scale e pioli va affrontata con kit da ferrata e un minimo d’esperienza d’alta montagna (adatta anche a principianti).
Dal Passo San Pellegrino per segnavia 604 al Passo Selle (eventualmente utilizzando la seggiovia), passando dal Rifugio Paradiso, si va all’attacco dell’Ata Via che percorre in cresta luoghi che furono teatro di aspri combattimenti durante la Prima Guerra Mondiale. Un vero e proprio Museo all’aperto (utile una torcia per alcune gallerie). Il percorso offre una vista spettacolare sui gruppi dolomitici di Latemar , Catinaccio , Sasso Piatto,  Sella, Marmolada e Monzoni. Il primo tratto conduce a forcella Ciadin , con possibilità di rientro, a cui segue un secondo tratto più impegnativo fino a forcella Uomo e a forcella Laghet.
Dislivello: 920 m per l’intero percorso. Tempi di percorrenza:  ore 6:30 complessive per l’intero percorso.
Difficoltà: EEA
Percorso alternativo (gruppo B) : Passo San Pellegrino – Rifugio Fuchiade – Forca Rossa
Info: mail: montagnaatuttabirra@gmail.com,  Raffaele 34732451190, Girolamo  0499425908 – 3775364040


Ottobre ------------------------------------------------------------------------------------

Domenica 28 ottobre   Cima Dodici - Altopiano dei Sette Comuni  


Partenza da Piazza Prandina alle ore 7:00.  Itinerario: San Pietro in Gù – Vicenza Nord – Piovene Rocchette - Camporovere - malga Galmarara (75 km, h 1:25,  costi auto 150 x 0,20 =30 € ).
Da Malga Galmarara,  per sentiero segnavia 830, in direzione Nord per il bivacco Tre Fontane al Bivio Italia, 1987 m. Per sentiero 835, per Portule Galmarara si sale Cima Dodici, punto più alto dell'Altopiano. Il ritorno avviene per sentiero 208 fino alla sella fra Cima Trentin e il Portule, quindi per tracce di sentiero incontrando i ruderi de casara Trentin e il Baito Campogallina  e aggirando il Corno di Campoverde, il monte Colombarone e cima dell'Arsenale, ritornati sul sentiero 830,  si chiude l'anello fino a Malga Galmarara.

Dislivello 750 m. Tempi di percorrenza 7 ore. Escursionistico
Info: mail: montagnaatuttabirra@gmail.com,  Giorgio 3331469831

Novembre ---------------------------------------------------------------------------------

... Monte Rite  - Dolomiti di Zoldo

Domenica 2 dicembre   Pranzo di fine stagione – Escursione da Borso del Grappa a                                                                                         Baita Camol

Ritrovo in Piazza Prandina a San Pietro in Gù  e partenza alle ore 8:00.
Ore 9:00 circa arrivo a Borso e inizio escursione.
  Dal piazzale della Chiesa di Borso del Grappa, 280 m, dirigendosi verso ovest si prende (segnavia 95)  una stradina con fondo in cemento e la si percorre per circa 500 m. Si continua su carrareccia e ad un bivio si gira a destra fino ad inserirsi in una mulattiera che si risale per tre tornanti ad incontrare un bosco che si attraversa. Il percorso si snoda quindi su terreno aperto e a mano a mano che si prende quota, la vegetazione si dirada e si spalanca sempre più il panorama sulla pianura veneta con il Brenta da una parte e il Piave dall'altra.
  Dopo circa una cinquantina di tornanti, che ora si fanno più serrati, si supera una vecchia croce in legno e sulla sinistra una stradina e si procede diritti. Ad un successivo tornante-bivio si gira a destra, seguendo una stradina forestale che porta ai prati di Borso; si procede lungo il percorso in salita per 50 m., poi si gira a sinistra per riprendere la mulattiera. Da qui si perviene in pochi minuti all'imbocco della strada (segnavia 102) di fronte a "Casera de Usea", che porta (sulla sinistra) a campo Croce all'omonima locanda. Da qui per una accorciatoia sulla destra si va a prendere il sentiero 100 . Si segue la mulattiera (gallerie di guerra sulla sinistra) che diventa via via sentiero, fino a raggiungere Sella Camol e in breve a Baiata Camol, 1230 m.

Dislivello 950 m, ore 2:30, Escursionistico

Ore 12:30 Pranzo presso Baita Camol (Menù di 2 primi, grigliata mista, contorni, acqua, vino, dolce, caffè: € 25). 

Ore 15:30-16:00 ritorno a Borso per sentiero n° 90 (ore 1:30) o con passaggio auto.
Naturalmente è possibile arrivare alla Baita in auto per l'ora di pranzo.

Adesioni entro il 26 novembre : mail  montagnaatuttabirra@gmail.com, Giorgio 3331469831, Silvano 0495991351 - 3381343100,  Girolamo  0499425908 – 3775364040

















Sabato 11 febbraio - Ciaspolada al chiaro di luna
Monte Oro ( Massiccio del Grappa) 
Ritrovo in Piazza Prandina alle ore 16:15 e partenza alle ore 16:30 precise. Itinerario: San Pietro in Gù - Nove SS47 - Romano d'Ezzelino - Strada Cadorna SP148  fino all’11° tornante (dopo Ponte San Lorenzo) - Località Cibàra (Via Cibara, 2 - Pove del Grappa - Km 46,  1 ora, auto). Ore 18:00 inizio escursione. Ore 21:00 – 21: 30 cena presso Trattoria Cibàra .

Facile itinerario ad anello con partenza dalla Trattoria Cibara. Seguendo tratti di sentiero nel bosco e strade forestali si risale la Valle dell’Oro pervenendo a Malga Moda in campo aperto, quindi a Malga Coi Veci o Fortìn. Per carrarecce e dossi prativi con panoramico percorso, al Cason d’Oro e cima del Monte Oro, 1305 m. Per forestali e tratti di bosco ai ruderi di Casera Bordignon  e quindi breve risalita al punto di partenza.

Dislivello complessivo: 300 m circa . Sviluppo circa 6,5 km. Tempi di percorrenza: ore 2:30-3:00 complessive. Difficoltà: E/EAI. Il percorso richiede in caso di neve (auspicata) l’uso delle ciaspole (racchette da neve). L’uscita si effettuerà anche in assenza di neve. Si consiglia una abbigliamento adeguato alla stagione comprendente una giacca antivento. Utile una pila frontale.
Info: mail  montagnaatuttabirra@gmail.com, Giorgio 3331469831,   Silvano 0495991351 - 3381343100,  Girolamo  0499425908 – 3775364040.  Adesioni entro Lunedì 6 febbraio.
----------------------------------------------------------------------------------------------------------

Domenica 12 marzo   Masi alti di Kamauz - Lagorai (ciaspole)

Partenza da Piazza Prandina alle ore 7:30.  Birreria Trenti ore 8:00 . Itinerario: San Pietro in Gù – Nove – SS 47 della Valsugana – Pergine Valsugana – SP 8 – Canezza – Kamauz (113 km,  auto).
Partendo dal abitato di Kamauz si sale verso sud-est su strada forestale , e alternando tratti di bosco si  transita presso numerosi masi giungendo ad un ultimo tornante dove si sale verso malga Vulpis. In salita per forestale, si lascia a destra l’indicazione per la Bassa proseguendo per la strada di accesso ad un maso e salendo per una valletta che scende dal Fravort. Per ripido prato si  sale a ridosso del bosco e attraversata senza perdere quota la valletta, si prende un sentiero forestale in direzione nord tra pascoli e baiti a i piedi dell’Oscivort. Si procede in discesa per la forestale fino ad un rifugio e quindi per strada verso nord e dopo un tornante in direzione della chiesa di Kamauz  che si raggiunge dopo 2 km.
Dislivello: 400 m.    Tempi di percorrenza: Ore 3:30.  Difficoltà: EAI

Info: mail: montagnaatuttabirra@gmail.com, Mario 0424898044 – 3336780308  Silvano 0495991351 - 3381343100,  Girolamo  0499425908 – 3775364040


Domenica 26 marzo   Rocca di Arsiè - Col di Baio ( Massiccio del Grappa)

Escursione circolare sul versante Nord del Grappa con partenza dal Lago del Corlo per boschi, prati e vecchi borghi
Partenza da Piazza Prandina alle ore 7:30.  Birreria Trenti ore 8:00 . Itinerario: San Pietro in Gù – Nove – SS 47 della Valsugana – Arsiè (   58  km, 1 ora: auto).

Dal parcheggio della discoteca "La Stua"ci si avvia sul percorso pedonale del lungolago in direzione del vecchio campanile di Rocca. Oltrepassato il cimitero, la strada diventa sterrata e si trova il ponte pedonale che ci consente di attraversare lo stretto braccio del lago del Corlo e proseguire sulla sponda opposta. Si segue la mulattiera che prima costeggia il lago e poi sale verso le Casere Forcelletta . Da qui, con una splendida veduta sul lago del Corlo, si prende la mulattiera in salita sulla destra del capitello, seguendo la tabella che indica la direzione per casere Geremia e Col di Baio. Dopo l’attraversamento di un ghiaione il sentiero si fa meno scosceso e curva verso destra fino alle casere Tenina 875 m, situate sopra l’omonima valle. Si prosegue in leggera salita, che conduce prima ad una curva a sinistra dove c’è un’edicola dedicata a S. Antonio, e poi fino ad una tabella AVA che indica sulla destra il sentiero per il Col di Baio. Si attraversa il pendio prativo per arrivare alle Casere Strapazzon 1068. Si sale sulla carrareccia che porta alle casere Bolin per proseguire poi verso sud-est in salita lungo la dorsale del monte e si giunge alla sommità del Col di Baio 1205m. Si percorre in discesa la stessa via fino a raggiungere lo slargo appena prima delle casere Tenina, qui si scende sulla carrareccia sulla sinistra. A circa 700 m di quota la carrareccia termina ed inizia il sentiero, che in ripida discesa porta all’antica borgata di Fumegai 542 m. Superate le casere si arriva in breve alla stretta carrozzabile che a a sinistra scende lungo la val Carazzagno. Si prosegue fino alle casere Boldi, si supera il ponte che ci conduce sulla riva sinistra del torrente Carazzagno. La strada ora diventa sterrata e ci conduce in breve prima sul “Ponte della Vittoria” e poi proseguendo verso il lungo lago si arriva al parcheggio della partenza.

Dislivello: 900 m .Tempi di percorrenza 6:30 -7:00 Difficoltà: E (Escursionisti)
Info: mail: montagnaatuttabirra@gmail.com, Mario 3336780308, Silvano 0495991351 - 3381343100,  Girolamo  0499425908 – 3775364040
----------------------------------------------------------------------------------------------------------
Lunedì 17 aprile   Pasquetta:   Lapio - San Giovanni in Monte (Monti Berici)

ORE 8.30 RITROVO A SAN PIETRO IN GU' in Piazza Prandina
ORE 8.45 RITROVO A GRANTORTINO DA GIORGIO E ANTONELLA.
Partenza per LAPIO.
Parcheggiate le auto nel piazzale della chiesa di Lapio, si risale la strada verso SOGHE per poche centinaia di metri per ammirare il panorama sul LAGO DI FIMON.
Ritornati sui propri passi, attraversata la strada asfaltata, con saliscendi si risale verso contrà Costa. In caso di giornata limpida si possono scorgere in lontananza, non solo l'Altopiano di Asiago e le Piccole Dolomiti, ma anche l'Adamello e le Pale di S.Martino.
Passando fra radure, boschi e contrade si arriva in Via Zambalda. Dopo aver percorso un pezzo di strada asfaltata ci si inoltra ancora nel verde per raggiungere Castelpiero e poi S.Giovanni in Monte.
Alle 12.30 - 13.00 ci sarà un momento conviviale alla trattoria "Agli Olmi". Bis di primi, Bis di secondi, contorni. Acqua, vino, caffè  e dolce a richiesta.
Alle 15.00 - 15.30 partenza per il ritorno.
Ritornando a Castelpiero, con un sentiero pianeggiante si arriva nei pressi del "Miramonti", si scende quindi a Villa Di Fimon, Grotta di Lourdes, Valle dei Molini e ritorno  a Lapio .
Dislivello complessivo: con saliscendi circa 300 m. Tempi di percorrenza: 3 ore complessive.
Precisazione : la comitiva è unica con partenza da Lapio
Info: mail  montagnaatuttabirra@gmail.com, Giorgio 3331469831,   Silvano 0495991351 - 3381343100,  Girolamo  0499425908 – 3775364040.  Adesioni entro Sabato 8 aprile.

Sabato 22, Domenica 23, Lunedì 24, Martedì 25 aprile - Isola d'Elba trekking


Partenza in tarda serata di venerdì  21 aprile per Piombino. Imbarco per l’Isola d’Elba.
Il viaggio avverrà  con mezzi propri (auto) .   Alloggeremo in appartamenti a Porto Azzurro.  
22-04:  visita a Porto Azzurro  e passeggiata lungo un sentiero che porta ad alcune spiagge (Barbarossa, Reale, Terra nera) il percorso è di 5 km circa con 200 m di dislivello.
23-04:   Da Cavo  a Porto Azzurro attraverso il M. Grosso, M.  Strega,  M. Campanello, cima del Monte. Questa è la cresta orientale dell’isola d’Elba. Percorso di 6-7 ore con 800 m di dislivello, molto interessante .  Volendo si può partire da M. Strega accorciandolo un po’.
24-04:  Monte Capanna  dal Poggio con giro ad anello e ritorno al Poggio, dislivello 700 m,  5 ore circa.
25-04:  visite varie e imbarco per il ritorno nel pomeriggio .
P.S.: questo è un programma che potremo variare a nostro piacere.
Info: mail: montagnaatuttabirra@gmail.com,  Mario 0424898044 – 3336780308 ,  Girolamo  0499425908 – 3775364040
-----------------------------------------------------------------------------------------------------------
Lunedì 1° maggio Ciclopista del Brenta e Media Pianura Vicentina (pranzo alla       Festa della Semina del Riso a Grantortino)
Ritrovo a San Pietro in Gù in Piazza Prandina e partenza alle ore 9.  Ritrovo a Gazzo in Piazza IV novembre e partenza alle 9:15.

  L’itinerario da San Pietro in Gù per Carmignano di Brenta percorrerà la sponda destra del fiume Brenta direzione Sud. Ritrovo a Carturo con il gruppo proveniente da Gazzo presso “la Passaia”. Sempre percorrendo piste ciclabili, un tratto della Treviso-Ostiglia, quindi la ciclabile della Media Pianura Vicentina, per Piazzola Sul Brenta, Poiana di Granfion, Grumolo giungeremo fino a Grantortino. 
  Pranzo presso la Barchessa di Villa Tacchi in occasione della Festa della semina del riso. Il percorso completamente in piano ha una lunghezza di circa 35 km. E’ sufficiente una normale bicicletta in buono stato di manutenzione. Utile kit di riparazione.


Info: mail  montagnaatuttabirra@gmail.com,   Giorgio 3331469831, Girolamo 0499425908 – 3775364040. 


Domenica 7 maggio   Sentiero de "el Vu" - Valstagna 

Partenza da Piazza Prandina alle ore 7:30.  Birreria Trenti  ore 8:00 . Itinerario: San Pietro in Gù – Bassano – Valstagna (auto).

  Il sentiero storico de ‘el Vu’ da Londa al Col D’Astiago è dedicato ad Albino Celi detto “El Vu”, perché dava del Voi a tutti, leggendaria figura di “recuperante” al quale si è ispirato Ermanno Olmi nell’omonimo film. Percorre la linea di sbarramento predisposta durante la prima guerra mondiale.
 Da Londa, frazione al lato sud di Valstagna, per segnavia 775, sale fra masiere di terrazzamenti, quindi risale una valletta incontrando una postazione in galleria. Incrociata l’Alta Via del Tabacco, la segue verso destra per risalire i tornanti di una mulattiera fino ad un pulpito panoramico su Valstagna. Alla quota di 560 m, Dosso Pasqualaite, si diparte una variante attrezzata, mentre a destra scende un sentiero per Case Postarnia e Giaconi (AVT). Superato il breve tratto con fune metallica (attrezzatura non necessaria) per mulattiera di guerra su cresta boscosa e per cenge esposte ai ricoveri  “La Grottona”, 790 m. Per sentiero ripido si perviene al belvedere della Grottona , trincee recuperate, e a Forcella Val D’Ancino, 1085 m, gallerie e ricoveri. Per terreno più facile alla cima di Col d’Astiago, 1240 m.
  La discesa più breve per un percorso ad anello volge direzione sud per segnavia 800 alle Pozzette, quindi per mulattiera lastricata, sentiero 773,  al punto di partenza. Allungando un po' il percorso, una valida alternativa porta verso nord per cresta boscosa alla Cima del Cimo, 1074 m e a Valstagna per Casale Mandre e Case Postarnia.
Per un eventuale gruppo B un’alternativa con minor dislivello è l’”anello basso di Postarnia”, che abbandona il sentiero de “el Vù” al Dosso Pasqualaite seguendo l’AVT verso nord incrociando la discesa precedente per Postarnia e Valstagna. Si può allungare il percorso sempre per l’AVT oltrepassando la Val Fonda scendendo a Valstagna per contrada Giaconi.   Descrizione dettagliata con varie opzioni
  Dislivello: 1100 m, 450 m per l’opzione B. Tempi di percorrenza: 6-6,5 ore complessive (4 l’opzione B)
  Difficoltà: E, tratti EE (E l’opzione B)

Info: mail: montagnaatuttabirra@gmail.com, Mario 3336780308, Silvano 0495991351 - 3381343100,  Girolamo  0499425908 – 3775364040


Domenica 28 maggio   Ciclovia del Sile da Treviso a Caposile

Città d’arte, aree naturalistiche, ville venete e campagne rigogliose sono tutte eccellenze tutelate dal Parco Naturale Regionale del Fiume Sile.

Trasferimento in pullman granturismo con carrello portabici
Ritrovo in Piazza Prandina alle 7:00 con le biciclette (si raccomanda la puntualità) Carico dei mezzi nel carrello e partenza circa alle 7:30 per Treviso.
                         
Tempi di percorrenza:  ore 3:30 – 4:00 escluse soste
Lunghezza del percorso:  38 km in piano
Punto di partenza: Treviso
Punto di arrivo: Caposile
Itinerario: Treviso – Casier – Casale sul Sile – Portegrandi – Caposile
La ciclabile sul web: VenetociclabileMarcadoc,  Magicoveneto
E’ sufficiente una normale bicicletta in buono stato di manutenzione tipo city bike. Portare kit di riparazione o camera d’aria di ricambio. Casco consigliato, soprattutto per i minori. Pranzo al sacco.   Adesioni  fino all’esaurimento dei 50 posti disponibili e comunque entro sabato 20 maggio 2017.


 Info: mail: montagnaatuttabirra@gmail.com,  Giorgio 3331469831, Gianni 3388433950,  Girolamo  0499425908 – 3775364040, Silvano 0495991351 – 3381343100,   

-----------------------------------------------------------------------------------------------------------

Domenica 11 giugno Monti del Sole - Bus de le Neole - Dolomiti Bellunesi

Partenza da Piazza Prandina alle ore 7:00 precise.  Birreria Trenti ore 7:30 . Itinerario: San Pietro in Gù – Bassano – SS 47 della Valsugana – Feltre – Belluno – SS Agordina - Rivamonte Agordino  (120 km, ore  1:50 ,auto).

  Dall’area picnic di Forcella Franche tra i Comuni agordini di Gosaldo e Rivamonte Agordino, nel Parco Nazionale delle Dolomiti Bellunesi, si segue l’itinerario storico-culturale noto come La Montagna Dimenticata. Quindi sulla destra si seguono le indicazioni per il Bus de le Neole e Forcella de l’Om. 
  Seguiamo il segnavia 874, ovvero una variante un pò più impegnativa. Già dalla partenza sono ben evidenti alcune delle caratteristiche proprie dei Monti del Sole: gole e crepacci spettacolari,  la natura selvaggia che sembra inghiottire ogni traccia del passaggio dell’uomo, picchi e paesaggi inaspettati. 
  Raggiunto il Bus de le Neole , ci troviamo davanti ad un buco gigantesco che attraversa una montagna intera da parte a parte, uno spettacolo veramente impressionante che ci ripaga appieno delle fatiche dell’ascesa. Dopo la meritata sosta nei pressi della Forcella de l’Om sotto la mole del Piz di Mezzodì, si ritorna per la variante più facile del sentiero 874.

Dislivello: 1000 m circa.    Tempi di percorrenza: Ore 6:30 circa.   Difficoltà: EE
N.B. Dato che la zona è nota per la presenza di zecche nei periodi più caldi, pur non essendo il percorso esposto a Sud, si consiglia un vestiario adeguato. Quindi sconsigliati pantaloncini corti. 
Info: mail: montagnaatuttabirra@gmail.com,   Silvano 0495991351 - 3381343100,  Girolamo  0499425908 – 3775364040,  Mario  3336780308


Sabato 24 giugno  Bivacco Tiziano - Gruppo delle Marmarole
Rinviata a Sabato 1° luglio ANNULLATA
Partenza da Piazza Prandina alle ore 6:00.   Itinerario: San Pietro in Gù – Cittadella - Castello di Godego – Pederobba - Ponte nelle Alpi – Longarone – Calalzo di Cadore – Auronzo di Cadore – Colonia Alpina Domenico Savio (163 km,  ore 2:40, auto).

Il bivacco, dedicato al grande Pittore Tiziano Vecellio, nato a Pieve di Cadore , sorge in uno degli angoli più spettacolari del versante settentrionale delle Marmarole.

Dalla Colonia Alpina Domenico Savio, 1035 m, in Val d’Ansiei, 12 km da Auronzo in direzione Misurina, attraversato il fiume si percorre una carrareccia che attraversa il Bosco di Socento. Abbandonata la carrareccia si svolta a sinistra per segnavia 260 (NON 279: fatta una correzione) per bosco ad una zona di ghiaie sotto un salto di roccia che si aggira a sinistra uscendo a quota 1491 m. Per facili rocce, che si lasciano quando diventano impraticabili, si attraversa una conca boschiva, costeggiando le Buse di Socento, ricoperte di mughi e separate da brevi pareti rocciose. Si risale verso Est attraversando l’ultimo tratto boschivo cui segue una fitta mugaia e una ripida lingua sassosa, uscendo su prati ai piedi di lisce pareti rocciose. Le si costeggiano salendo in ambiente bellissimo e sempre più solare, superando alcuni dossi che precludono la vista al pulpito roccioso ove sorge il Bivacco Tiziano, 2246 m. Discesa per l’itinerario di salita.
Dislivello: 1200 m.    Tempi di percorrenza: Ore 7:00.  Difficoltà: EE. Cartografia: Tabacco foglio 017, scala 1:25000

Info: mail: montagnaatuttabirra@gmail.com,   Girolamo  0499425908 – 3775364040,   Mario  3336780308.

-----------------------------------------------------------------------------------------------------------

Sabato 8 -  Domenica 9 luglio  Monte Ortigara (Battaglia dell'Ortigara 1917-2017)

Partecipazione alle cerimonie ufficiali organizzate dal Comune di Asiago e dell’Associazione Nazionale Alpini nell’ occasione del centesimo anniversario della Battaglia dell’ Ortigara. 
Per il programma fare riferimento ai siti web Asiago.it e Ana.it. Per la giornata di sabato è prevista un’escursione guidata ai luoghi della Grande Guerra.

-Sabato 8: partenza da Piazza Prandina alle ore 7:00 per i partecipanti alle due giornate. 
Si rende noto che, data la portata nazionale dell’evento, a meno di avere propri punti di appoggio in loco, per il pernottamento i posti sono limitati.

-Domenica 9: per i partecipanti alla sola giornata di domenica, la partenza è fissata da Piazza Prandina alle ore 6:00 precise. I percorsi sono di livello escursionistico e dislivelli limitati.
Info: mail  montagnaatuttabirra@gmail.com, Giorgio 3331469831, Silvano 0495991351 - 3381343100,  Girolamo  0499425908 – 3775364040.  

Domenica 16 luglio  Monte Mulaz - Pale di San Martino

Partenza da Piazza Prandina alle ore 6:00,  Birreria Trenti ore 6:30 . Itinerario: San Pietro in Gù – Nove – SS 47 della Valsugana – Fiera di Primiero – Passo Rolle – Passo Valles 
( 122 km, ore 2:13’ auto).


Dal passo Valles, m 2031, si segue il sentiero 749 che attraversa sotto le frane della Cima Venegia fino a portarsi all’omonima forcella, che si raggiunge con alcune ripide svolte (m 2217).
Si segue poi a sinistra una specie di cresta terrosa (sent. 751), poi pendii erbosi sempre a sinistra della cresta. Giunti ad un minuscolo laghetto si continua per prati sassosi in direzione dell'imponente parete NO del Mulàz. Si raggiunge così un ampio ed aperto vallone che si risale fino al passo di Venegiota (m 2303).
Salendo una ripida costola e attraversando a sinistra sotto le rocce del Mulàz per cengioni e ripidi sfasciumi, in breve si raggiunge il passo del Fochèt del Focobòn (m 2291). Vista grandiosa sulle Cime del Focobòn.
Si continua scendendo verso la Val del Focobòn; quando il sentiero si sdoppia si segue quello di destra, che sale proprio sotto le rocce del Mulàz. Continuando per esso (due passaggi esposti su roccette richiedono attenzione) si raggiunge una conca nevosa. Risalito il pendio nevoso si guadagna a sinistra un pendio morenico e successivamente uno spiazzo erboso. Quindi per una serie di valloncelli si giunge al passo Arduini (m. 2575, belvedere al Sasso Arduini). Appena più in là si trova il rifugio G. Volpi (m. 2571).
Dal rifugio su sentiero segnalato si giunge al passo del Mulaz e da qui alla sommità del Monte Mulaz (m. 2906). Discesa per la stessa via di salita oppure se si ha la possibilità di lasciare un’auto in Val Venegiota al Campigolo della Vezzana (oltrepassate le malghe Venegia e Venegiotta), dal Passo Mulaz si prende il ghiaione che con buona traccia (sentiero 710) scende alla rotabile (ore 2,30 ).

Itinerario alternativo: (gruppo B) fino al Rif. Mulaz e ritorno. Possibili anche itinerari più facili e brevi dalla Val Venegia o Passo Rolle da decidere al momento in base alle esigenze dei partecipanti.

Dislivello: 800 m (1200 con la cima). Tempi di percorrenza: ore 6:00 (itin: B) -7:00 (A). Difficoltà: EE

Info: mail: montagnaatuttabirra@gmail.com, ,  Girolamo  0499425908 – 3775364040,  Mario 3336780308, Silvano 0495991351 - 3381343100


Sabato 29 - Domenica 30 luglio   Rifugi Pizzini e Casati - Monte Cevedale, 3769 m


Sabato 29 luglio   Partenza da Piazza Prandina alle ore 7:30, Birreria Trenti ore 8:00 . Itinerario: San Pietro in Gù – Nove – SS 47 –  Trento – Cles – P.soTonale – P.so Gavia – S. Caterina Valfurva - Rifugio Forni (239 km, ore 4:45’ auto). In alternativa per A4 – VI – BS – Edolo – Santa Caterina V. (285 km, ore 4:35’ e tratto con lavori, altrimenti 315 km e 4:15’).

Parcheggio presso il Rif. Forni, 2178 m (5 € 48 ore). Salita al Rifugio Pizzini-Frattola alla testata della Valle Cedèc, che sorge a 2707 m su uno sperone erboso in uno splendido circo glaciale racchiuso a Nord dalla mole del Gran Zebrù, a Est dal Ghiacciaio del Cevedale ed a Ovest verso l’elegante piramide del Pizzo Tresero (ore 1:30). Mezza pensione soci Cai  € 50,50.

Domenica 30 luglio
Gruppo A: Salita di buonora per sterrata prima e sentiero su terreno detritico fino a raggiungere il rifugio Casati 3269 m (ore 1.50). Calzati i ramponi si procede in cordata sul ghiacciaio a destra del Rifugio, prima per tratto pianeggiante e poi in salita, poi altro tratto pianeggiante e altra salita, restando al centro del ghiacciaio fin sotto la sua parte sommitale. Si risale il pendio traversando verso destra, salendo sotto la crepaccia terminale che si supera sotto l´incavo della cresta dove è chiusa. Obliquo verso sinistra per salire in cresta e lungo questa con percorso aereo verso destra si raggiunge brevemente la vetta, 3769 m, a forma di cresta pianeggiante (ore 2 ). Discesa per la via di salita.
Gruppo B: Salita al Rifugio Casati a quota 3269 m splendido balcone panoramico su Gran Zebrù e Cevedale, ai piedi del ghiacciaio del Cevedale  
Discesa delle due comitive al Rifugio Pizzini e quindi al Rifugio Forni, punto di partenza (ore 2:30).
Dislivello: primo giorno 530 m
                  secondo giorno gruppo A: 1060 m, gruppo B: 560 m.
Difficoltà: gruppo  A: itinerario alpinistico F+  
                 gruppo B: EE più che altro per la quota.
Attrezzatura: ramponi, piccozza, imbragatura, casco (A)
Cartografia: Tabacco foglio 08, scala 1:25000


Info: mail: montagnaatuttabirra@gmail.com, ,  Girolamo  0499425908 – 3775364040,  Mario 3336780308, Silvano 0495991351 – 3381343100. Adesioni al più presto e comunque entro il 21 luglio salvo esaurimento posti in rifugio.

----------------------------------------------------------------------------------------------------------

Domenica 6 agosto  Passo San Pellegrino - Rifugio Fuciade - Sasso Vernale


Ritrovo in Piazza Prandina alle ore 5.50 e partenza alle 6:00 precise, a Romano d’Ezzelino (park Romano Medica) ore 6:20. Itinerario: San Pietro in Gù – Romano d’Ezzelino – Cavaso del Tomba –  Sinistra Piave – Agordo – Cencenighe – Passo San Pellegrino. 

Dal Passo San Pellegrino per segnavia 607 al Rifugio Fuciade, in splendida posizione. Da qui la comitiva A sale sempre per segnavia 607 al passo delle Cirelle, 2683 m. Per sentiero 612, resti di guerra, al Passo Ombrettola, 2864 m. Per cresta Sud del Sasso Vernale, seguendo le tracce di camminamenti militari e rimontando facili gradoni rocciosi si raggiunge in breve la vetta, 3058 m (30 minuti; ore 3.30 complessivamente).
Per il ritorno consigliata la salita della vicina Cima Ombrettola (2931 m), che si alza subito a sud dell’omonimo passo (al quale si sarà tornati percorrendo a ritroso la normale al Vernale). Da qui si scende per il suo versante sud-est, senza segni di passaggio e con passi di I grado su roccia piuttosto friabile (attenzione), fino alla Forcella del Bachèt (2828 m). Non resta che tuffarsi a capofitto nell’incredibile ghiaione sottostante e raggiungere poi la conca di Fuciade.

Comitiva B: Dal Rifugio Fuciade, per segnavia 670, alta via numero 2, quindi 693 e 694 all’insellatura della Forca Rossa, 2486 m,  Bellissime vedute su Cima Bocche, sottogruppi Uomo e Ombrettòla, Pale di San Martino . Ritornati in discesa a ritroso per sentiero 694, si segue un tratto dell’alta via dei Pastori transitando per i Casoni di Valfredda e giungendo alla Baita Flora Alpina, 1818 m. Da qui in breve al punto di partenza.
Possibili passeggiate nella splendida conca del Fuciade per chi volesse godere dell’ambiente con minore impegno fisico.

Dislivello comitiva A : 1200 m, B: 700 m Tempi di percorrenza comitiva A: 5-6 ore complessive, B:  3:30-4:00 Difficoltà comitiva A: EE, B: E

Info: mail  montagnaatuttabirra@gmail.com , Raffaele 3473245119, Girolamo 0499425908 - 3775364040


Domenica 27 agosto   Sentiero dei Fiori - Gruppo dell'Adamello


Partenza da Piazza Prandina alle ore 5:00,  Birreria Trenti ore 5:30 . Itinerario: San Pietro in Gù – Nove – SS 47 della Valsugana – Trento - Cles - SS42 – Passo del Tonale ( 194 km, ore 2:53’ auto). 
Il percorso attrezzato si snoda dal Passo Castellaccio a Passo Pisgana e segue la via di arroccamento che gli Alpini utilizzarono durante la prima Guerra Mondiale per collegare le postazioni installate in cresta. Il percorso è caratterizzato dalla possibilità di interromperlo in 4 punti che nello stesso tempo ne identificano anche le diverse difficoltà.
 Dal Passo del Paradiso q.2585 (raggiunto con l’impianto di risalita*) si segue il sentiero CAI 44 che sale fino al Passo del Castellaccio  2963 m. Quindi teniamo il crinale a sinistra dove inizia il Sentiero dei Fiori. Si raggiunge il Corno di Lago Scuro q.3166 , pochi metri sotto la vetta è situata la Capanna Amici della Montagna. Si scende quindi verso il Passo di Lago Scuro q.2970 (resti delle vecchie trincee e baracche). Seguiamo il crinale verso Cima Payer che in breve inizia ad essere attrezzato. Raggiunta  Cima Payer q.3056 (Piccola croce e libro di vetta) torniamo al Passo di Lago Scuro,  quindi si scende al Lago Scuro q.2737 (Costeggiamo il piccolo laghetto situato circa 100 metri sopra il Lago Scuro). Al  bivio q.2750 ci innestiamo sul CAI 209: a destra si scenderebbe al rifugio Città di Trento al Mandrone in circa 40 minuti, restiamo a sinistra in ripida salita verso il Passo del Maroccaro q.2973 (Dalla parte opposta si inizia a scendere per traccia sul ghiacciaio del Presena in direzione nord) a Capanna Presena q.2738 e al Passo del Paradiso q.2585 e quindi al punto di partenza. Descrizioni più dettagliate sul web: Escursionismo 360,  Vieferrate.it
*) Cabinovia Paradiso (da Passo Tonale 1.885 m a Passo Paradiso 2.587 m) dal 10 giugno al 24 settembre 2017 orario 8.15-17.45  (€ 7,00 Corsa singola, € 11,00  A/R ).

Dislivello: cumulativo 1150 m. Sviluppo: 10 km .  Tempi di percorrenza: Ore 6:00 circa.  Difficoltà: EEA. Cartografia: Tabacco foglio 052 Adamello – Presanella, scala 1:25000. Attrezzatura: Imbragatura, casco, set da ferrata, ramponi.

Info: mail: montagnaatuttabirra@gmail.com,   Girolamo  0499425908 – 3775364040.

----------------------------------------------------------------------------------------------------------

Sabato 2 - Domenica 3 settembre  Cima Tosa - Sentieri Brentari e Palmieri -Dolomiti di Brenta (annullata)




Sabato 2 settembre  
Partenza da Piazza Prandina alle ore 8:00,  Birreria Trenti ore 8:30 . Itinerario: San Pietro in Gù – Nove – SS 47 della Valsugana – Trento – SS45bis – Sarche – San Lorenzo in Banale – Ponte Baesa ( 151 km, ore 2:17’ auto). 
Dal bar ristorante Dolomiti, 796 m, ( parcheggio ) per sentiero segnavia 325 in 4 ore e 1500 m di dislivello si raggiunge il Rifugio Agostini, 2410 m. Oppure con servizio taxi-jeep (10 €) fino al Rifugio Al Cacciatore, 1820 m, e quindi per segnavia 325 in ore 1:30 al Rifugio (opzione consigliata).

Domenica 3 settembre
Comitiva A: Dal Rifugio Agostini si percorre il sentiero segnavia 358 che porta al Sentiero Brentari, per abbandonarlo dove piega a destra e risalire il ghiacciaio in direzione della Bocca d’Ambiez (utili ramponi). L’ultimo tratto della vedretta si evita seguendo un percorso attrezzato a sinistra del canalone che porta direttamente alla Bocca d’Ambiez dove sale dall’altro versante il Sentiero dell’Ideale. Si incontra in breve l’attacco della “Via Migotti alla Tosa” (scritta sulla roccia). Si sale lo spallone, ometti e sbiaditi segni rossi, (I° sup) e superata una placchetta (II°), si piega a sinistra e si supera un lungo canale appoggiato (I° – I° sup.), alla fine del quale, spostandosi sul lato destro si sbocca presso la cima. In breve si raggiunge la vetta con grande ometto, dove una vista mozzafiato spazia sui gruppi circostanti.  Seguendo in direzione est, ometti, si scende ad un anfiteatro e quindi ad un secondo simile ripiano al bordo di una parete dove si trova il primo punto di calata (20 m) che porta ad un terrazzo (raggiungibile anche con non difficile arrampicata in discesa) da cui con calata di 25 m si raggiungono facili rocce (I°) che conducono al sentiero 358 che riporta al Rifugio Agostini.(2 ore all’attacco, 2:30 per la cima, 1 ora al Rifugio).

Comitiva B: Dal Rifugio, per segnavia 358, si percorre il sentiero attrezzato Brentari, di moderata difficoltà, fino al Rifugio Pedrotti alla Tosa. Il ritorno avviene per il Sentiero Palmieri, segnavia 320 (circa 5 ore per l’intero anello). Per chi non volesse fare il percorso attrezzato, è possibile raggiungere il rifugio Tosa per il Sentiero Palmieri Basso eventualmente con la variante Palmieri Alto in una delle due tratte.

Dislivello: 1° giorno 600 m, 2° giorno comitiva A  800 m, comitiva B 450 m. Tempi di percorrenza: come da relazione.  Difficoltà: gruppo A:  EE, I°+, PD, gruppo B: EEA, E per il sentiero Palmieri. Attrezzatura: imbrago, set, casco (+ discensore per comitiva A). Cartografia: Tabacco foglio 053 Dolomiti di Brenta, scala 1:25000


Info: mail: montagnaatuttabirra@gmail.com, ,  Girolamo  0499425908 – 3775364040,  Raffaele 34732451190.  Adesioni al più presto.


Domenica 10 settembre   Piani Eterni - Vette Feltrine (rinviata)


Domenica 17 settembre Rif. Boz, Passo Alvis - Banche del Sass de Mura - Vette Feltrine


Partenza da Piazza Prandina alle ore 6:00,  Birreria Trenti ore 6:30 . Itinerario: San Pietro in Gù – Nove – SS 47 della Valsugana – Imer – Val Noana – Rifugio Fonteghi ( 90 km, ore 1:35’ auto). 
Dalla località Buse, 1160 m, parcheggio, si segue la mulattiera segnavia 727 verso la Val Fonda, quindi per bosco a tratti ripido, infine traversato il torrente, si giunge al pianoro dove sorge il rifugio Boz, 1718 m, ore 1:50’. (comitiva A e B).
Comitiva A. – Stupendo percorso ad anello attorno al Sass de Mura su banche ghiaiose, con esposizioni contenute con caratteristiche ed impegno diverse a seconda del versante. Un unico passaggio tecnico (II+).
 Dal Rifugio Boz si segue il sentiero per malga Neva Seconda, deviando fino ad incontrare il sentiero 748 che si segue a destra fino alle indicazioni per Acquedotto Neva. Per una traccia a sinistra al Cadin di Neva che si traversa per poi raggiungere la Forcella di Neva, 2148 m.
 Da qui si traversa, sormontando una spalla e calando ad un intaglio (II+), unico tratto tecnico del percorso, giungendo l’inizio della Banca Posterna che contorna il versante settentrionale e a tratti con caratteristiche di cengia taglia colate di ghiaie alternate da aggiramenti e roccette in falsopiano.
Seguono, con più o meno le stesse caratteristiche, la Banca Est, quindi la Banca Soliva a Sud e l’occidentale Banca Ovest. Si ripercorre il tratto tecnico percorso in salita guadagnando la spalla e scendendo alla Forcella di Neva e traversato il Cadin di Neva si ritorna al Rifugio Boz.
Dislivello: 1100 m. Tempi di percorrenza: 5-6 ore. Difficoltà: F+/I, II+ . Attrezzatura: normale da escursionismo più casco. Consigliato imbrago per eventuale assicurazione su singoli passaggi.
Comitiva B.  Oltre al percorso Rifugio Fonteghi – Rifugio Boz, giro ad anello , facoltativo, Passo de Mur – Passo Alvis  ( Monte Alvis, 1922 m).
Dislivello: 600 m (+ 200 anello), Tempi di percorrenza: 3:30 – 5. Difficoltà: E

Info: mail: montagnaatuttabirra@gmail.com, ,  Raffaele  34732451190,   Girolamo  0499425908 – 3775364040.

-----------------------------------------------------------------------------------------------------------



-----------------------------------------------------------------------------------------------------------

Domenica 19 novembre    Pranzo di fine stagione – Escursione da Pove del Grappa a Malga Vittoria

Programma:
Ritrovo in Piazza Prandina a San Pietro in Gù alle 8:30.
Ore 9:00 circa arrivo a Pove e parcheggio nei pressi della Chiesa, quindi inizio escursione. Il percorso, dopo aver preso quota, attraversa con bella vista panoramica l'intera conca. Superate due gallerie di guerra, sbocca nei pressi di una vecchia cava, salendo quindi in cresta presso il M. La Gusella  e in direzione Nord, superato col Cavraro, conduce all'Agritur Malga Vittoria (ore 2:30 - 3:00, dislivello 630 m).
Per chi volesse effettuare un percorso più breve, ritrovo alle ore 10 presso Malga Vittoria. La passeggiata di circa un'ora complessiva conduce ad un bel punto panoramico nei pressi di M. La Gusella.
Ore 12:30 Pranzo presso Malga Vittoria (Menù di 2 primi, 2 secondi, contorni, acqua, vino, dolce, caffè: € 25). 
Ore 15:30-16:00 ritorno a Pove per sentiero n° 50 (ore 1:20) o con passaggio auto. 
Naturalmente è possibile arrivare alla Malga in auto per l'ora di pranzo.

Adesioni entro il 12 novembre : mail  montagnaatuttabirra@gmail.com, Giorgio 3331469831, Silvano 0495991351 - 3381343100,  Girolamo  0499425908 – 3775364040


Martedì 26 dicembre  2017  Santo Stefano – Monte Summano 1296 m

Classico itinerario natalizio che conduce alla più nota cima che corona la pianura vicentina. In questo periodo possiamo  ammirare la fioritura della “rosa di Natale” (Helleborus niger). Da Case Grumello, 250 m (comitiva A) e dalla Chiesa dell’Angelo, 533 m (comitiva B).

Ritrovo in Piazza Prandina e partenza alle ore 8:30 – Itinerario stradale: Autostrada Valdastico – Uscita Thiene -Schio  - Piovene Rocchette – Grumello (o Chiesa dell’Angelo).

Dalla località Case Grumello (comitiva A) si sale a zig-zag per buona traccia di sentiero il versante sud del monte fino ad intercettare presso Casorie Rovren, 593 m, la strada tagliafuoco che congiunge Piovene con Santorso. Da qui, incontro con la comitiva B proveniente dalla Chiesa dell’Angelo, si prosegue per la mulattiera Rovrea-Mardifaia,  che risale la brulla costa su segnavia 456, sentiero del Sass de la Poja, incontrando postazioni di osservazione della Prima Guerra Mondiale. Si arriva così al panoramico balcone di Casara Mardifaia. 
Si prosegue percorrendo un tratto quasi pianeggiante e quindi con alcuni tornanti si giunge al sasso della Madonna, 1105 m. Per strada militare alla conca ove sorge il santuario della Madonna del Summano, 1108 m,  e la Baita Genzianella del Gam di Piovene ,  che potrà offrirci un buon piatto di pasta fumante. In direzione Ovest aggirando la conca si raggiunge la cima del M. Summano, 1296 m. Il ritorno avverrà per il sentiero 459 alla Chiesa dell’Angelo.
Comitiva B in salita dalla Chiesa dell’Angelo per strada tagliafuoco a Casorie Rovren, quindi come gruppo A.

Dislivello: 1050 m gruppo A , 750 m gruppo B . Tempi di percorrenza: ore 2:30 (2:00) per la salita,  discesa 1:30. Difficoltà:  E

Info :  mail montagnaatuttabirra@gmail.com , Giorgio 3331469831, Girolamo 0499425908- 3775364040


Domenica 14 gennaio   Monte Cavioio e Monte Cimone di Tonezza,1226 m. 

Tradizionale uscita di Capodanno: quest’anno dal Grappa passiamo alle Prealpi Vicentine

Ritrovo in Piazza Prandina alle ore 7:45  e partenza alle ore 8:00.   Itinerario stradale: Autostrada Valdastico – Uscita Piovene Rocchette – Arsiero.

Dalla strada per Tonezza, 200 m dopo il bivio per Posina, 359 m, parte il sentiero 544 che sale verso le pareti. Dopo un tratto incavato nella roccia, si inoltra nel bosco e sale in località Pessi, confluenza del sentiero 542 B proveniente da Bugni. Dopo diversi tornanti nel bosco, raggiunge la base delle rocce del Cavioio, e la grotta con statua del Redentore. La salita al M. Cavioio, con breve tratto attrezzato, dove si trova il bivacco O.Vittori, è facoltativa. Aggirato il versante Ovest, si prosegue per il crinale a fianco di una trincea per confluire nel sentiero 542 toccando la Cima Neutra e giungendo infine sul Monte Cimone. La discesa avviene per la Strada degli Alpini, toccando il Piazzale degli Alpini, e scendendo a casa Pierini. Da qui per la Chiesetta di San Rocco al punto di partenza.

Dislivello 830 m. Tempi di percorrenza: ore 4:30 complessive. Difficoltà E, tratto EE facoltativo. Cartografia:Sezioni Vicentine del Cai - Valdastico e altopiani Trentini scala 1:25000
Utile una pila per la presenza di alcune gallerie. Pranzo al sacco.

Info:  mail montagnaatuttabirra@gmail.com , Giorgio 3331469831, Girolamo 0499425908- 3775364040
N.B. Alcune date potranno subire delle variazioni. Saranno aggiunti altri itinerari a completamento del calendario.

  

Nessun commento:

Posta un commento